News

Il 14 febbraio il Parlamento europeo è chiamato a votare l'adozione di un rapporto del Beca che potrebbe mettere sullo stesso piano vino e tabacco, stravolgendo completamente tutto il mondo enologico.

Lo scorso dicembre, infatti, la Commissione Europea ha approvato la conclusione di un rapporto del Beca, la Commissione Speciale del Parlamento Europeo per Battere il Cancro – che affermava che non c'è consumo di alcol senza rischi per la salute.

Con 29 voti favorevoli, e solo uno contrario (insieme a quattro astensioni), questa relazione deve ora essere studiata, prima di un'ulteriore votazione del Parlamento europeo la prossima settimana.

Se il rapporto dovesse essere adottato integralmente, i produttori di vino nei 27 paesi membri dell'Ue potrebbero essere soggetti a una serie di restrizioni sul modo in cui il prodotto viene promosso e il suo prezzo, mentre l'Ue potrebbe smettere di finanziare tutto ciò che riguarda la produzione di bevande alcoliche, gestione del vigneto inclusa.

Ignacio Sánchez Recarte, segretario generale del Comité Européen des Enterprises Vins (Ceev), si è detto "spaventato" e "scioccato" e in un'intervista a Drink Business ha fatto notare che nel cercare di ridurre il consumo per tutti, si stanno adottando misure che creerebbero un mondo "completamente diverso" per l'industria del vino in Europa.

Secondo il segretario, inoltre, il rapporto Beca ha adottato i risultati di uno studio scientifico "imperfetto" apparso su The Lancet nel 2018 e l'Ue non sembra essere interessata a considerare tutti gli studi sulle implicazioni benefiche per la salute, definendo l'approccio attuale “un dogma costruito intorno al cancro”. In effetti, la conclusione che assumere anche piccole quantità di alcol è dannoso per l'uomo “contraddice oltre un secolo di prove scientifiche che un consumo moderato porta benefici per la salute”.

Tuttavia, Sánchez Recarte ha affermato che un nuovo approccio più dogmatico all'alcol è alla base delle politiche che "limiteranno l'accesso e la presenza di prodotti alcolici nella nostra società, invece di prendere di mira i modelli di consumo dannosi".

Ha aggiunto: "Esiste il rischio di convertire le bevande alcoliche nell'equivalente di un prodotto del tabacco", suggerendo che a un produttore di vino potrebbe essere vietato pubblicizzare il proprio prodotto, essere costretto a riportare avvertenze sanitarie sulle etichette e a ridurre la presenza nei negozi.

Inoltre, si prevede che le accise sull'alcol saranno aumentate, spingendo al rialzo i prezzi, che si andranno ad aggiungere a una serie di misure che, secondo lui, sono "progettate per ridurre il consumo, non un consumo dannoso".

E se le bevande alcoliche fossero trattate in questo modo, diventerebbero "quasi un prodotto illegale", portando a "una stigmatizzazione del nostro settore", che metterà fine al "sostegno o aiuto alle aziende vinicole".

È una previsione particolarmente preoccupante per il comparto vinicolo in Europa, settore frammentato, caratterizzato da molti piccoli produttori, che fanno affidamento su una serie di sostegni dell'Ue. "Il settore del vino riceve denaro per l'innovazione, la promozione e l'adattamento ai cambiamenti climatici, ma tutto questo potrebbe scomparire da un giorno all'altro", ha avvertito il segretario Ceev.

E questo perché "alcune parti della Commissione europea stanno spingendo per l'esclusione delle bevande alcoliche dalla politica di promozione". In sostanza, c'è una mossa per demonizzare la più ampia industria delle bevande, ha detto, parlandone "come il grande nemico dell'alcolismo".

In realtà, ha ricordato Sánchez Recarte a Drink Business, “Il settore vitivinicolo è uno dei pilastri della sostenibilità socio-economica delle nostre aree rurali”, prima di aggiungere che “il vino è la chiave dello sviluppo rurale”, sottolineando che “il vino consumato con moderazione è una gioia e un contributo culturale”.

Tuttavia, se la votazione finale del 14 febbraio vedrà approvata integralmente la relazione Beca, "sarà un assegno in bianco per la Commissione a modificare l'informazione completa sulla regolamentazione dei consumi", ha affermato.

Ciò richiederà loro di rivedere i messaggi sull'alcol, che prevede vengano "trasformati in avvertenze sanitarie che possono collegare qualsiasi tipo di consumo di alcol e cancro, danneggiando l'immagine del nostro prodotto".

Nel frattempo, l'industria del vino e delle bevande alcoliche ha solo pochi giorni per convincere i membri del parlamento europeo che si tratta di un "settore sostenibile e responsabile" e "difenderci con una visione completa di ciò che dice la scienza”.

 

 

Verifood, l’AI in aiuto per tutelare i marchi Dop e Ig

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Un sistema di ricerca automatica sul web per scoprire usurpazioni...

Rapporto Ismea sull’innovazione vitivinicola: soluzioni agritech e agricoltura digitale

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Le incertezze del quadro economico e geopolitico mondiale, tra crisi...

L’Italia contro il decreto belga sulla pubblicità delle bevande alcoliche

18-04-2024 | News

Federvini accoglie con favore la tempestiva azione del Governo, annunciata...

Rentri: disponibile ambiente Demo per avvicinare gli utenti ai nuovi obblighi

18-04-2024 | Normative

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (Mase) ha attivato...

Pnrr e taglio dei tassi trainano una crescita moderata ma costante

18-04-2024 | Studi e Ricerche

Secondo un'analisi del centro studi di Confindustria, il commercio mondiale...

Turchia, aggiornato il regolamento sull'etichettatura degli alimenti

18-04-2024 | Estero

La Turchia ha recentemente apportato diverse modifiche al "Codice Alimentare...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.