News

Una coalizione di 21 associazioni di categoria che rappresentano il vino, gli alcolici distillati e i settori correlati di Stati Uniti, Unione europea e Regno Unito ha espresso delusione per i nuovi dazi statunitensi in vigore su alcuni cognac, brandy e vino di Francia e Germania.

“Siamo estremamente delusi dall'imposizione di ulteriori tariffe su alcuni Cognac, brandy e vini francesi e tedeschi. Queste tariffe aggraveranno solo il danno causato dalle tariffe esistenti. La pressione aggiuntiva derivante da queste tariffe costringerà più imprese a chiudere i battenti e più lavoratori a essere licenziati in settori già colpiti negativamente dalla pandemia globale”, ha affermato la coalizione.

Da giugno 2018 c'è stata una costante escalation del numero di tariffe sugli alcolici distillati e sui vini da entrambe le sponde dell'Atlantico come conseguenze delle controversie commerciali. Queste tariffe stanno avendo un dannoso effetto a catena in tutto il settore.

Il danno diffuso ha un impatto sui lavoratori delle distillerie e delle cantine, importatori, esportatori, distributori, lavoratori della vendita al dettaglio e della ristorazione, agricoltori, aziende di confezionamento che forniscono contenitori, tappi e coperchi e camionisti, spedizionieri e fornitori di servizi logistici che ottengono questi prodotti attraverso la dogana.

“Le industrie degli alcolici e del vino hanno sofferto a causa dell'imposizione delle tariffe di ritorsione nel 2018 relative a controversie del tutto estranee al business delle bevande. È ormai tempo che queste tariffe ingiustificate ed eccessive vengano sospese. Stiamo esortando vivamente gli Stati Uniti, l'Ue e il Regno Unito a tornare al tavolo dei negoziati senza indugio e raggiungere un accordo per sospendere immediatamente queste tariffe", ha aggiunto la coalizione.

Tra i firmatari della coalizione vi sono: Distilled Spirits Council of the United States, SpiritsEUROPE, Comité Européen Des Entreprises Vins, Wine Institute, Scotch Whisky Association, American Beverage Licensees, WineAmerica, Wine & Spirits Wholesalers Of America, National Retail Federation, American Craft Spirits Association, American Distilled Spirits Alliance, U.S. Wine Trade Alliance, National Council Of Chain Restaurants, Kentucky Distillers’ Association, National Restaurant Association, National Association Of Beverage Importers, National Association Of Wine Retailers, The Wine And Spirit Trade Association, North American Shippers Association, Napa Valley Vintners, and Wine And Spirits Shippers Association.

Via libera Ue alle modifiche sulle Doc Barbera d’Alba e Lacrima di Morro d’Alba

21-01-2022 | Normative

Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 21 gennaio 2022...

Londra, crescono le critiche ai piani del governo per i dazi su vino e alcolici

21-01-2022 | Estero

I piani del governo britannico per riformare le regole della...

Frascati debutta tra i crypto wine con un Nft su uno spumante

21-01-2022 | Arte del bere

Il vino Frascati entra nella schiera dei crypto wine con...

Nuova Pac: smart farming e criteri rinnovati per i pagamenti diretti

21-01-2022 | News

Nel periodo 2023-2027 i pagamenti diretti destinati agli agricoltori subiranno...

Agroalimentare, terzo trimestre 2021: +2,6% Pil, +2,2% consumi, +1,6% investimenti

21-01-2022 | Studi e Ricerche

Si conferma buona la performance economica nel III trimestre 2021...

Champagne, nel 2021 balzo record del 32%

20-01-2022 | Trend

Le spedizioni totali di Champagne nel 2021 ammontano a 322...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.