News

Ieri, 27 ottobre, il DEFRA (Department for Environment Food & Rural Affairs) ha annunciato con una notice che dal 1° gennaio 2021 fino al 31 giugno 2021 non sarà richiesto il certificato VI-1 per l’importazione nel Regno Unito di prodotti vitivinicoli (voce della nomenclatura 2204).

Allo stesso tempo, DEFRA ha confermato il c.d. periodo di grazia dal 1° gennaio 2021 fino al 30 settembre 2022 in materia di etichettatura. Solo a partire dal 1° ottobre 2022, infatti, è richiesto di indicare un FBO (imbottigliatore, importatore, il produttore o il venditore) stabilito nel Regno Unito.

La decisione viene incontro alle richieste di un gruppo bipartisan di parlamentari britannici, che in settembre aveva messo in guardia sui disagi provocati dall'introduzione di nuovi balzelli burocratici.

Qui la Notice di Defra.

Mega-sequestro di vini falsificati nella provincia cinese del Fujian

05-12-2022 | Estero

Nel Fujian, ricca provincia costiera della Cina meridionale, è stato...

Via libera Ue al piano Pac dell’Italia (sostegni per 35 miliardi)

05-12-2022 | News

La Commissione europea ha dato il via libera al Piano...

Vini, spiriti e aceti, positivo il bilancio 2022 ma cautela su prospettive 2023

02-12-2022 | News

In attesa di un 2023 per il quale gli organismi...

Comitato misto Italia-Francia-Spagna sul vino: la Ue ci ascolti sulle nuove etichette

02-12-2022 | News

Riunito a Roma il Comitato misto franco-spagnolo-italiano per il settore...

Lollobrigida: il governo si impegnerà a snellire la burocrazia per la filiera vino-spiriti

02-12-2022 | News

"Il 2022 è stato un anno complesso, cominciato sotto i...

L’elenco Masaf dei Laboratori designati all'analisi di prodotti biologici

01-12-2022 | Normative

Il ministero delle Politiche agricole ha pubblicato l'elenco dei Laboratori designati...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.