News

Ieri, 27 ottobre, il DEFRA (Department for Environment Food & Rural Affairs) ha annunciato con una notice che dal 1° gennaio 2021 fino al 31 giugno 2021 non sarà richiesto il certificato VI-1 per l’importazione nel Regno Unito di prodotti vitivinicoli (voce della nomenclatura 2204).

Allo stesso tempo, DEFRA ha confermato il c.d. periodo di grazia dal 1° gennaio 2021 fino al 30 settembre 2022 in materia di etichettatura. Solo a partire dal 1° ottobre 2022, infatti, è richiesto di indicare un FBO (imbottigliatore, importatore, il produttore o il venditore) stabilito nel Regno Unito.

La decisione viene incontro alle richieste di un gruppo bipartisan di parlamentari britannici, che in settembre aveva messo in guardia sui disagi provocati dall'introduzione di nuovi balzelli burocratici.

Qui la Notice di Defra.

Lambrusco: da gennaio operativo il Consorzio unico

04-12-2020 | News

A giugno il voto unanime del Cda, a settembre l’assemblea...

Revoca incarico al Consorzio tutela vini del Reno

04-12-2020 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 3 dicembre 2020...

Nuove attribuzioni al Consorzio tutela Lambrusco

04-12-2020 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 3 dicembre 2012...

Revoca tutela al Consorzio DOP Reggiano e Colli di Scandiano e di Canossa

04-12-2020 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 3 dicembre 2020...

Export in Usa: entro fine mese il rinnnovo della registrazione alla Fda

04-12-2020 | Estero

Gli operatori che esportano negli USA prodotti alimentari e bevande...

In vigore il Dpcm "natalizio". Ecco tutte le regole e le restrizioni

04-12-2020 | News

In vigore il Dpcm che regola movimenti e restrizioni per...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.