News

Un bicchiere mezzo vuoto. È questa l'immagine che impiega Micaela Pallini - Presidente del Gruppo Spiriti di Federvini - per riassumere la grande delusione dei produttori di liquori e distillati dopo la conclusione al Senato dei lavori di conversione del DL Agosto. "Da tempo chiediamo una semplificazione: la abrogazione del contrassegno fiscale di Stato sulle confezioni destinate al mercato nazionale”.

Il comparto sta affrontando, con enormi difficoltà, le complicazioni negative indotte dalla pandemia e la scure dei dazi ad valorem applicati dal Governo USA alle esportazioni italiane su quel mercato, come compensazione nella disputa sugli aiuti di stato fra Boeing e Consorzio Airbus.

“Il contrassegno, istituito addirittura con un regio decreto, è un simbolo obsoleto del vecchio sistema di gestione dell’accisa. Tutte le aziende italiane - ormai da decenni - utilizzano moderni sistemi di tracciamento e di certificazione dell’integrità dei prodotti che sono pienamente efficaci ed allineati con gli standard internazionali previsti per questa tipologia di certificazione” prosegue Micaela Pallini. Ed anche il tracciamento con l’Agenzia delle dogane ha beneficiato di un processo di telematizzazione rilevante, che è diventato modello in altri paesi UE.

“Abbiamo trovato ascolto in Parlamento: esponenti della maggioranza e dell’opposizione hanno depositato degli emendamenti in proposito. Il confronto parlamentare aveva permesso di cogliere importanti attenzioni anche dal Governo, eravamo fiduciosi sulla conclusione positiva dell’iter legislativo. Ma nel testo votato al Senato non c’è più traccia dell’abrogazione".

Federvini prende atto che, ancora una volta, non si sono create le condizioni per abrogare degli oneri inutili, aiutando significativamente il settore delle bevande alcoliche italiano in questo momento di gravissima crisi.

“Chiediamo al Ministro Gualtieri di non lasciar cadere il forte segnale ricevuto e di aiutare il settore a trovare quanto prima una soluzione al problema. Noi continueremo ad insistere” conclude Micaela Pallini.

CsC, la risalita del PIL italiano nel 2021 più forte delle attese (+6,1%)

17-10-2021 | News

Quale economia italiana all'uscita dalla crisi? È la domanda a...

Cantine, donne e lavoro. Micaela Pallini a Rai News

17-10-2021 | News

Chimica per formazione e imprenditrice per scelta, Micaela Pallini guida...

Ismea, export vino naviga verso i 7 mld di euro a fine anno

17-10-2021 | Studi e Ricerche

L’Italia del vino cavalca appieno la tumultuosa ripresa della domanda...

Asta benefica del Barolo en primeur: appuntamento il 30 ottobre

15-10-2021 | Arte del bere

Sul modello in voga in Francia già da tempo, ma...

L'Italia del vino sotto la lente: ricerca della Rome Business School

15-10-2021 | Studi e Ricerche

Conferma del primato mondiale nella produzione. "Ritorno alla vigna" da parte...

Vigneti di montagna in Valle Camonica

15-10-2021 | Itinerari

In Valle Camonica, nota in tutto il mondo per le sue straordinarie...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.