L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Come ogni anno il 24 luglio si celebra il Tequila Day e c’è da aspettarsi grande festa in Messico, Paese in cui il distillato è nato nel XVI secolo, ma non solo. Si festeggerà anche negli Stati Uniti dove nel 2021 il tequila ha sorprendentemente effettuato il sorpasso sul whiskey diventando il secondo distillato più venduto dopo la vodka con buone prospettive di primato già a fine 2023.

L’ Italia non sta a guardare, vista la costante crescita di vendite che ha portato il Paese ad essere nel 2022 l’8° importatore al mondo di tequila con un volume di 4 milioni e 200mila litri come riportato dal Consejo Regulador del Tequila, l’organo che ha il compito di garantire il rispetto delle rigide norme che regolano la produzione di tequila. Un dato che assume ancor più valore se si considera la crescita del +103% rispetto alle importazioni del 2021 (2 milioni di litri). Considerando poi che, nei primi sei mesi del 2023, le importazioni hanno già raggiunto i 2,7 milioni di litri, non è difficile ipotizzare che l’anno si chiuderà con un nuovo record.

Questa speciale classifica vede saldamente in testa gli Stati Uniti con oltre 300 milioni di litri importati, seguita da Germania (oltre 10 milioni) e Spagna (poco meno di 9 milioni).

Secondo il report Global Tequila Market Overview, 2023-28 pubblicato da Research and Markets, il mercato globale del tequila è destinato a una crescita esponenziale nei prossimi anni passando dai 14,4 miliardi di dollari del 2022 ai 20,4 miliardi di dollari previsti per il 2028 (+42%), con un tasso composto di crescita annuale di oltre il 6%.

Un vero e proprio boom di vendite per un distillato che nel 2020 aveva sofferto inevitabilmente un pesante crollo a causa della pandemia, ma che ha saputo velocemente rialzare la testa. Il tequila è riuscito a guadagnare popolarità al di fuori dei mercati tradizionali grazie a una maggiore consapevolezza dei consumatori, al cambiamento delle preferenze di gusto e a una maggiore disponibilità. In particolare la richiesta di tequila è in aumento in regioni come il Nord America, l'Europa e l'Asia-Pacifico.

“Si ottiene raccogliendo la piña, ovvero il cuore della pianta, che viene cotto e macinato per estrarne i succhi, i quali poi vengono fatti fermentare con lieviti selezionati” – spiega Riccardo Campagna, drinksetter di Anthology, lo spin off di Mavolo Beverages, azienda specializzata nella distribuzione di bevande, liquori e spirits - Il tequila, per essere definito tale, deve contenere almeno il 51% di agave. Questo tipo di tequila viene definito “mixto”, mentre un tequila d'eccellenza contiene la dicitura 100% agave”.

 

Emergenza siccità nel sud della Francia e Catalogna in stato di crisi già da febbraio

16-05-2024 | Trend

Nella maggior parte del bacino viticolo del Mediterraneo occidentale (Spagna...

Fine della querelle Prosecco-Prosek: una vittoria per le bollicine venete

16-05-2024 | Arte del bere

La controversia tra Prosecco e Prosek giunge finalmente a una...

Esplorando l'Italia tra golfo di Napoli e costa adriatica: un viaggio tra paesaggi e sapori

16-05-2024 | Itinerari

In un viaggio attraverso le regioni italiane del sud e...

Regolamento IG europee, le norme entrano in vigore

15-05-2024 | Normative

Dal 13 maggio è entrato in vigore in Italia  il...

Consorzio del Chianti classico festeggia il centenario nel segno della sostenibilità

15-05-2024 | Trend

Sostenibilità e identità territoriale: sono alcune parole chiave alla base...

Gelate tardive colpiscono le regioni vinicole europee

14-05-2024 | Estero

Le notti gelide alla fine di aprile hanno provocato seri...

Please publish modules in offcanvas position.