News

La Camera dei Lord ha discusso un emendamento al disegno di legge sull'agricoltura, che riduce il volume di documenti necessari alle importazioni di vino in Uk dopo il periodo di transizione della Brexit.

Allo stato attuale, il vino importato dall'Europa nel Regno Unito dal 1 ° gennaio 2021, indipendentemente dal fatto che sia concluso un accordo con l'UE, deve avere un modulo VI-1. Tale documentazione è stata bollata come un "onere non necessario" dall'industria del vino britannica. Il modulo richiede inoltre che le bottiglie di ciascuna linea di prodotti siano sottoposte a test di laboratorio.

Si prevede che la nuova norma genererà 600mila moduli cartacei aggiuntivi, con la piattaforma online del trade di vini pregiati Liv-ex che stima di doverne utilizzare da sola oltre 65mila.

Attualmente, i moduli VI-1 sono richiesti solo per il vino importato al di fuori dell'UE. Alcuni paesi, tra cui Australia e Stati Uniti, utilizzano versioni semplificate.

Il Regno Unito importa il 55% del suo vino dall'Europa. Secondo il governo di Londra  l'onere per l'industria del vino britannica sarebbe "trascurabile o nullo". La Wine and Spirit Trade Association (WSTA), che occupa oltre 130mila  persone nel Regno Unito, al contrario stima in 19 miliardi di sterline il costo aggiuntivo. 

Lord Holmes, che ha presentato gli emendamenti, sostiene l'opportunità di una "soluzione digitale". Non approvare le modifiche significherebbe "aumentare il prezzo del vino e ridurre la scelta dei consumatori".

"Lasciare l'UE offre un'importante opportunità per rendere il Regno Unito un polo centrale del vino nel mondo -  Holmes -ha aggiunto. Il VI-1 non è adatto allo scopo: rimuovendo il rmodulo per un tempo limitato dopo il periodo di transizione, il Regno Unito può aprire la strada. Il passo successivo è la creazione di un nuovo passaporto elettronico semplificato del vino che faciliti il commercio da tutto il mondo e apra nuove opportunità per questa grande industria britannica". "Il vino - ha concluso - è la sesta voce dell'export alimentare britannico, per un valore di circa £ 650 milioni. facilitando il commercio e rimuovendo norme prescrittive non necessarie, possiamo rafforzare la posizione del Regno Unito come leader mondiale nel vino e garantire che i consumatori possano continuare ad acquistare una vasta gamma di vini provenienti da tutto il mondo. "

Miles Beale, amministratore delegato della WSTA, ha affermato che l'ente è "estremamente soddisfatto" di avere il sostegno della Camera dei Lord. "Il governo dovrebbe evitare di imporre controlli complicati, costosi e inutili - ha detto -. I politici devono comprendere meglio il problema, che se non gestito correttamente vedrà l'industria vinicola leader del Regno Unito affrontare una catastrofica interruzione degli scambi".

 

Aceto e spezie, arriva la “salsa bruna” della Regina Elisabetta

24-01-2022 | Estero

Dopo i gin arrivano anche le salse reali. In particolare...

Il Regno Unito guida l’e-commerce degli alcolici (11,9%)

24-01-2022 | Studi e Ricerche

Continua la corsa delle vendite online, anche per il settore...

Via libera Ue alle modifiche sulle Doc Barbera d’Alba e Lacrima di Morro d’Alba

21-01-2022 | Normative

Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 21 gennaio 2022...

Nuove pratiche enologiche autorizzate in territorio europeo

21-01-2022 | Normative

Con la pubblicazione della Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 19 gennaio 2022...

Londra, crescono le critiche ai piani del governo per i dazi su vino e alcolici

21-01-2022 | Estero

I piani del governo britannico per riformare le regole della...

Frascati debutta tra i crypto wine con un Nft su uno spumante

21-01-2022 | Arte del bere

Il vino Frascati entra nella schiera dei crypto wine con...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.