News

Il post lockdown vede anche la ristorazione stellata cercare nuove vie per ripartire. Una di queste sembra portare all'offerta cooperativa di vino di qualità, vista come diversa e nuova da proporre ai clienti soprattutto per il valore del racconto del territorio di produzione. Ad affermarlo durante la diretta Facebook organizzata lo scorso 3 luglio da Assoeneologi è stato Giuseppe Palmieri, maître e sommelier dell'Osteria Francescana, ristorante 3 stelle Michelin a Modena.

"In carta abbiamo già dei vini di cooperative, la loro proposta è in grande crescita e potrebbero essere quindi di più, le invito ad avvicinarsi senza timore anche ad una certa tipologia di ristorazione, questo è il momento giusto", ha detto Palmieri in risposta al tema del dibattito (Il ruolo della cooperazione nella "ripartenza" del vino italiano) proposto da Riccardo Cotarella, presidente Assoeneologi e moderato dal giornalista Daniele Cernilli. Il tavolo social ha visto protagonisti, oltre a Palmieri, Daniele Accordini, dg ed enologo di Cantina Valpolicella Negrar nonché presidente della rete di cantine cooperative The Wine Net, Paolo Bernabei, del gruppo Bernabei, azienda leader nella distribuzione di vini e liquori, Alessio Puntel, responsabile dell’agenzia Heart&Vino e Maura Latini, ad Coop Italia.

Nel corso del dibattito è stato ricordato come il 55% del vino italiano sia prodotto oggi da cantine cooperative e come queste svolgano un importante ruolo sociale e di salvaguardia del territorio, permettendo ad alcuni produttori conferitori di coltivare ancor oggi piccoli appezzamenti che altrimenti sarebbero abbandonati. Esistono poi delle regioni come Trentino-Alto Adige, Sardegna e Abruzzo in cui le cooperative vitivinicole svolgono un ruolo fondamentale, mentre altre regioni mancano di cooperative di livello, lacuna che bisognerebbe colmare in quanto preziose per un territorio. Nel suo intervento, Accordini ha ricordato come fare cooperativa oggi significhi produrre qualità e reddito, nonché impegnarsi concretamente nella sostenibilità e nella produzione biologica. "Durante l'emergenza pandemica - ha aggiunto - abbiamo fatto assicurazioni sanitarie, sconti finanziari e sconti in merce su tutta la gamma di prodotti, sostenuto la clientela rendendo più flessibili i pagamenti dello scaduto, garantito anticipi provvigionali agli agenti Horeca, dimostrato capacità di risposta immediata ai fabbisogni della distribuzione e dei consumatori. Ci proponiamo quindi, a pieno titolo, come interlocutori strategici per individuare le migliori soluzioni e garantire un futuro competitivo al sistema vino Italia".  

 

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.