News

Il primo nome italiano che si incontra nella lista è Antinori, salito al nono posto. Per il resto predominio assoluto del Sud America e qualche sorpresa europea. 

È stata svelata (rigorosamente online, grazie al Covid) la classifica dei migliori vigneti al mondo.

Il premio World's Best Vineyards Awards, come riporta Cnn, conferma l’America del Sud come migliore destinazione per una vacanza in vigna (una volta che si riprenderà a viaggiare…).

In cima alla lista ancora una volta Zuccardi Valle de Uco, casa vinicola argentina nel cuore della Valle Uco, ai piedi delle Ande. L'azienda a conduzione familiare, fondata nel 1963, offre secondo i Best Vineyard Awards "vini di alta qualità realizzati in modo preciso" da una straordinaria bodega modernista.

Bodega Garzón in Uruguay, ancora una volta al secondo posto, è stato elogiato come leader nella sostenibilità. E il suo ristorante da 120 posti offre grandiose grigliate con vista panoramica sulla campagna circostante.

I premi si basano sulle nomination di una Voting Academy composta da oltre 500 esperti di vino in tutto il mondo. Per garantire che l'Accademia sia rappresentativa, il mondo è diviso in 18 regioni geografiche, con 36 esperti per ciascuna area.

Cinque aziende sudamericane compaiono nei primi 20, con le cilene Montes e Viña Vik rispettivamente al 4° e 10° posto, e l'argentina Catena Zapata, con la sua piramide ispirata all'architettura Maya, scesa quest'anno al n. 11.

Il miglior vigneto d'Europa - sul podio, al terzo posto - è a sorpresa una cantina austriaca. Domäne Wachau, con il suo castello barocco nella valle danubiana patrimonio mondiale Unesco, è nota per i suoi Grüner Veltliner.

Il vigneto francese più quotato (al 7° posto) è  Château Smith Haut Lafitte, vicino a Bordeaux. Château Pichon Baron, sempre a Bordeaux, è entrato nella top 20 al n. 19.

Il miglior vigneto italiano, come detto, è Antinori al n. 9. Ha colpito i votanti soprattutto per la cantina aperta nel 2012, “progettata - è stato ricordato durante le premiazioni - per la vinificazione a flusso di gravità”.

La cantina spagnola Marques de Riscal (al n. 6), ha colpito per il design inconfondibile firmato Frank Gehry.

Rippon, in Nuova Zelanda, un vigneto biodinamico sulle rive del lago Wanaka, è sceso di cinque posti al n. 13, ma resta ancora il miglior vigneto in Australasia.

La voce più alta del Nord America è stata la Robert Mondavi Winery nella Napa Valley, che ha scalato sette posizioni fino al numero 5. 

Lo scalatore più alto, tuttavia, è Delaire Graff Estate, nelle Cape Winelands in Sudafrica. Saltando 25 posizioni nella lista e vantando "viste impareggiabili sulla valle di Banhoek, sui vigneti di Stellenbosch e sulla Table Mountain", è arrivato al 14 ° posto ed è stato nominato il migliore in Africa.

La cantina giapponese Château Mercian Mariko, che ha aperto solo a settembre 2019, ha fatto un debutto impressionante al n. 30 ed è stata nominata la migliore in Asia.

L'emergente scena vinicola del Libano era rappresentata da Château Oumsiyat (n. 38) e Chateau Heritage (n. 48) e c'erano nuove voci dall'India (KRSMA Estates, n. 46) e dalla Bulgaria (Cantina Villa Melnik, n. 39).

"Non esiste una definizione singola per un'esperienza di vigneto straordinaria allo stesso modo in cui non esiste una definizione singola per un vino straordinario", ha dichiarato il portavoce di  Best Vineyard Awards  durante la premiazione in streaming.

I migliori vigneti del mondo

1. Zuccardi Valle de Uco (Argentina) * Il meglio del Sud America *

2. Bodega Garzón (Uruguay)

3. Domäne Wachau (Austria)

4. Montes (Cile)

5. Azienda vinicola Robert Mondavi (California) * Best in North America *

6. Marqués de Riscal (Spagna)

7. Château Smith Haut Lafitte (Francia)

8. Quinta do Crasto (Portogallo)

9. Antinori nel Chianti Classico (Italia)

10. Viña Vik (Cile)

11. Catena Zapata (Argentina)

12. Schloss Johannisburg (Germania)

13. Rippon (Nuova Zelanda) * Best in Australasia *

14. Delaire Graff Estate (Sudafrica) * Best in Africa * * Scalatore più alto *

15. Weingut Dr. Loosen (Germania)

16. Ridge Vineyards, Monte Bello (Stati Uniti) * Ultima entrata più alta *

17. Craggy Range (Nuova Zelanda)

18. Gonzalez Byass - Bodegas Tio Pepe (Spagna)

19. Château Pichon Baron (Francia)

20. Opus One Winery (California)

Al via il Festival della Dieta Mediterranea, pratica virtuosa e “miglior risposta al Nutriscore”

20-05-2022 | News

Prende il via il Festival nazionale della Dieta Mediterranea, con una...

Mariacristina Castelletta nuovo presidente del Consorzio Alta Langa

19-05-2022 | Arte del bere

Cambio della guardia ai vertici del Consorzio Alta Langa: il...

Week end in rosa sul lago di Garda

19-05-2022 | Itinerari

Ritorna anche quest’anno l’atteso appuntamento con Chiaretto di Bardolino in Cantina:...

Bordeaux 2021 en primeur: previsto un calo della domanda

18-05-2022 | Arte del bere

Secondo Liv-ex oltre il 71% dei commercianti internazionali ha dichiarato...

Usa, i Millennials apprezzano sempre di più il vino a basso contenuto di alcol

17-05-2022 | Trend

Il valore della categoria del vino a basso contenuto alcolico...

Colpire il vino nelle ritorsioni commerciali, una perdita di 340 milioni di dollari all'anno

17-05-2022 | News

Nell'articolo "Vino: il sacco da boxe nella rappresaglia commerciale" pubblicato...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.