News

"L'Europa non può rinunciare, nel negoziato sulla Brexit, ai principi di uguaglianza e solidarietà alla base del suo modello sociale, né tanto meno intende riaprire, come chiede Londra, il dossier sulle Indicazioni geografiche agroalimentari (Dop e Igp) chiaramente tutelate nell'accordo di recesso dall'Ue". Lo sostiene Paolo De Castro, membro della commissione Commercio del Parlamento europeo e relatore per il gruppo S&D, commentando il  voto a grande maggioranza dell'Assemblea plenaria (571 voti a favore, 36 contrari e 91 astenuti) che ha definito le proprie raccomandazioni per i negoziati su un nuovo partenariato tra l'Ue e il Regno Unito.

"Nel testo - spiega l'eurodeputato PD - abbiamo inserito vari riferimenti alla protezione dei nostri standard produttivi e di sicurezza alimentare che, purtroppo, insieme alla protezione delle Indicazioni geografiche, il Regno Unito sta minacciando di voler sacrificare pur di concludere accordi con altri partner commerciali, a partire dagli Stati Uniti, come ha oggi reso noto il capo negoziatore europeo, Michel Barnier". "Al momento - prosegue De Castro - dobbiamo constatare che il negoziato si presenta tutto in salita, anche se rimaniamo fiduciosi su un'evoluzione più costruttiva delle trattative nei prossimi mesi per scongiurare il no-deal, nel nostro mutuo interesse.  Il Parlamento ha comunque oggi ri-affermato che un accordo post-Brexit non può prescindere da condizioni di concorrenza leale per i nostri produttori, aziende, cooperative, in una parola l'integrità del mercato interno e la parità di condizioni tra i cittadini sulle due sponde della Manica, il cosiddetto 'level playing field'. Ma anche a standard sociali, occupazionali, ambientali e di sicurezza alimentare a livelli equivalenti, e i più alti possibili".

"La nostra forza è l'unità che ha ritrovato l'Europa dopo la crisi del coronavirus. Parlamento, Consiglio e Commissione europea guardano nella stessa direzione nelle trattative per il divorzio con Londra, pronti a dare tutte le chance al negoziato. Ma non a tutti i costi".

''Ci dispiace dirlo - conclude De Castro - ma siamo convinti che il Regno Unito rimpiangerà questa scelta. D'altra parte - come ha affermato due giorni fa Romano Prodi - il salto anti-crisi che l'Europa sta  realizzando, non sarebbe mai potuto avvenire con la Gran Bretagna dentro all'Ue".

Via libera Ue alle modifiche sulle Doc Barbera d’Alba e Lacrima di Morro d’Alba

21-01-2022 | Normative

Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 21 gennaio 2022...

Londra, crescono le critiche ai piani del governo per i dazi su vino e alcolici

21-01-2022 | Estero

I piani del governo britannico per riformare le regole della...

Frascati debutta tra i crypto wine con un Nft su uno spumante

21-01-2022 | Arte del bere

Il vino Frascati entra nella schiera dei crypto wine con...

Nuova Pac: smart farming e criteri rinnovati per i pagamenti diretti

21-01-2022 | News

Nel periodo 2023-2027 i pagamenti diretti destinati agli agricoltori subiranno...

Agroalimentare, terzo trimestre 2021: +2,6% Pil, +2,2% consumi, +1,6% investimenti

21-01-2022 | Studi e Ricerche

Si conferma buona la performance economica nel III trimestre 2021...

Champagne, nel 2021 balzo record del 32%

20-01-2022 | Trend

Le spedizioni totali di Champagne nel 2021 ammontano a 322...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.