News

E' stata lanciata una nuova mappa interattiva che geolocalizza tutti i 240 spiriti IG europei, mostrando la grande diversità, il ricco patrimonio culturale e l'importanza economica di questi prodotti per le comunità di tutta Europa.

Lanciando la mappa, Ulrich Adam, direttore generale degli spiriti Europe, ha dichiarato:

“La mappa mostra da dove provengono esattamente in Europa i 240 diversi spiriti alimentari. Prodotti come Cognac, Whisky irlandese e Vodka polacca sono tra i più noti, ma l'elenco è molto più lungo! Per la prima volta oggi, stiamo letteralmente mettendoli tutti su mappa".

Gli alcolici europei con denominazioni protette, quali le indicazioni geografiche (IG), sono popolari a livello nazionale e molto apprezzati in tutto il mondo: le vendite interne ammontano a oltre 10 miliardi di euro nel 2017, mentre gli spiriti IG hanno costituito i due terzi delle esportazioni totali di alcolici europei per un valore di 12,5 miliardi di euro. 

Mathilde Chareyron, rappresentante dell'UE dell'Organizzazione per una rete internazionale di indicazioni geografiche (oriGIn) ha dichiarato:

"Questo è un ottimo modo per visualizzare l'importanza culturale, economica e sociale delle indicazioni geografiche nell'Unione europea. Ciò consentirà ai cittadini di comprendere meglio il successo della politica dell'UE sulle IG e il contributo chiave che le IG danno allo sviluppo locale. Questa è una preziosa risorsa per il lavoro di OriGIn nel garantire una migliore protezione e promozione delle indicazioni geografiche".

Uno studio pubblicato dalla Commissione europea nell'aprile di quest'anno ha rilevato che gli alcolici con indicazioni geografiche vendono per oltre due volte e mezzo in più rispetto ai prodotti senza protezione, sottolineando l'alta qualità e la reputazione che i consumatori attribuiscono ai prodotti IG.

Un altro modo importante in cui gli spiriti, e in particolare gli spiriti delle IG, contribuiscono allo sviluppo locale è il turismo. Dalle micro-distillerie a conduzione familiare ad alcuni dei marchi più grandi e famosi del mondo, le distillerie in Europa attirano ogni anno milioni di visitatori da tutto il mondo. Nel 2019, due milioni di persone hanno visitato le distillerie di whisky scozzese, quasi due milioni di turisti hanno visitato le distillerie francesi, mentre le distillerie irlandesi hanno accolto più di un milione di visitatori.

 

Mariacristina Castelletta nuovo presidente del Consorzio Alta Langa

19-05-2022 | Arte del bere

Cambio della guardia ai vertici del Consorzio Alta Langa: il...

Week end in rosa sul lago di Garda

19-05-2022 | Itinerari

Ritorna anche quest’anno l’atteso appuntamento con Chiaretto di Bardolino in Cantina:...

Bordeaux 2021 en primeur: previsto un calo della domanda

18-05-2022 | Arte del bere

Secondo Liv-ex oltre il 71% dei commercianti internazionali ha dichiarato...

Usa, i Millennials apprezzano sempre di più il vino a basso contenuto di alcol

17-05-2022 | Trend

Il valore della categoria del vino a basso contenuto alcolico...

Colpire il vino nelle ritorsioni commerciali, una perdita di 340 milioni di dollari all'anno

17-05-2022 | News

Nell'articolo "Vino: il sacco da boxe nella rappresaglia commerciale" pubblicato...

Usa: nuovo metodo per rilevare danni dal fumo degli incendi sulle viti

17-05-2022 | Studi e Ricerche

Alcuni scienziati della California Central Coast e analisti di laboratorio...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.