News

Il 14 febbraio l’amministrazione Usa ha confermato i dazi del 25% su liquori e cordiali italiani. Non è stata proprio una sorpresa, anche se si sperava che il carosello avrebbe portato una rimodulazione più favorevole. Per le aziende si fa sempre più problematico individuare la strategia più favorevole sul mercato Usa. 
Micaela Pallini, presidente Gruppo Spiriti di FEDERVINI, in questo video spiega quali sono le opzioni, come affrontare la concorrenza dell’Italian sounding e quale sostegno le aziende si aspettano dal governo.

Guarda il video:

Nascono i webinar "Dialoghi sul Turismo Enogastronomico"

27-03-2020 | Itinerari

L’escalation dell’emergenza Covid-19, con diffusione ormai globale, ha costretto il...

Usa, ritardi nei pagamenti dei dazi

26-03-2020 | Estero

Il sito delle Dogane americane ha segnalato che a causa...

Decreti, codici Ateco e Inps: le ultime notizie

26-03-2020 | Normative

E' stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DECRETO LEGGE 25...

Nasce Winease, piattaforma digitale per il vino italiano in Cina

26-03-2020 | News

Nasce a Firenze, a servizio del vino italiano, Winease, completo...

Ismea, provvedimenti straordinari per le imprese agricole e agroalimentari

25-03-2020 | News

A seguito dell’evolversi dell’emergenza sanitaria e del protrarsi delle misure...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection