News

Nel secondo trimestre 2019 l’export dei distretti industriali italiani ha registrato un aumento tendenziale del 3% (pari a 929 milioni di euro in più rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente), proseguendo lungo il trend di crescita in atto da inizio 2018. Nello stesso periodo il manifatturiero italiano ha mostrato un incremento delle vendite estere del 2,3%. Complessivamente il primo semestre dell’anno si è chiuso con un progresso tendenziale delle esportazioni distrettuali pari al 2,8%. Il quadro emerge dal "Monitor dei Distretti", novembre 2019, del Centro Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

Si tratta di un dato positivo che nasconde però il momento critico che stanno attraversando molte imprese manifatturiere italiane sui mercati esteri. Le tensioni internazionali e il rallentamento dell’economia tedesca stanno condizionando l’evoluzione delle esportazioni distrettuali. Per la prima volta dal 2009, infatti, il numero dei distretti che ha subito un calo dei flussi di export (pari a 84) ha superato quello delle aree distrettuali in crescita (73).

Schermata_2019-12-09_alle_19.15.58.pngOltre ai distretti specializzati in beni di consumo della moda (+13,7%), solo le aree distrettuali specializzate in alimentari e bevande hanno registrato un aumento delle esportazioni nel secondo trimestre del 2019 (+2,5%).

Schermata_2019-12-09_alle_19.18.02.png

 

In particolare in Germania si sono messi in evidenza i distretti agro-alimentari (su tutti i Vini di Langhe, Roero e Monferrato, i Vini del veronese, la Nocciola e frutta piemontese e l’Alimentare di Parma), del sistema moda (l’Occhialeria di Belluno e la Maglieria e l’abbigliamento di Carpi), dell’industria del mobile (Legno e arredo di Treviso).

 Schermata_2019-12-09_alle_19.21.26.png

 Le esportazioni dei distretti agro-alimentari: quello vinicolo ha apportato il maggior contributo

Nel secondo trimestre del 2019 le esportazioni dei distretti agro-alimentari italiani proseguono nel loro sentiero di crescita (+2,5% tendenziale), sebbene ad un tasso più contenuto rispetto al trimestre precedente. Nel complesso, i primi sei mesi del 2019 realizzano 338 milioni di euro di esportazioni in più rispetto al periodo gennaio-giugno 2018, superando per la prima volta i 9 miliardi nella prima metà dell’anno (il 44% del totale esportazioni del settore agro-alimentare italiano) e realizzando una variazione del +3,8% rispetto al primo semestre del 2018.

Schermata_2019-12-09_alle_19.26.31.png

La filiera dei vini è quella che apporta il maggior contributo alla crescita nel semestre, con un risultato complessivo del +8,4% (203 milioni di euro in più rispetto al periodo gennaio-giugno 2018). Ottima performance per i Vini di Langhe, Roero e Monferrato (+17,9%); continua la crescita dei Vini del Veronese (+9,6%), mentre registra una lieve contrazione il Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene (-0,6%) dopo la forte crescita degli anni passati (+8% nel 2018).

 Schermata_2019-12-09_alle_19.28.08.png

 

Nel planisfero è illustrato l’andamento delle esportazioni complessive italiane nei 142 sbocchi commerciali, dove i distretti nel 2018 hanno esportato beni per un valore non inferiore a 5 milioni di euro. Sono ombreggiati i paesi in cui i distretti nel 2018 hanno registrato un valore dell’export inferiore a 5 milioni. I paesi in cui i distretti hanno mostrato un aumento tendenziale delle esportazioni superiore al 5% sono di colore verde. I mercati in cui l’export distrettuale si è ridotto di almeno il -5% sono illustrati in rosso. Gli sbocchi commerciali in cui i distretti hanno sperimentato una variazione delle vendite estere compresa tra il -5% e il +5% sono di colore giallo.

Schermata_2019-12-09_alle_19.31.02.png 

 

L'enologo siciliano Pietro Russo terzo Master of Wine Italiano

26-02-2024 | Arte del bere

Pietro Russo, rinomato enologo siciliano, ha ottenuto il prestigioso titolo...

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.