News

Il Moscato Canelli si prepara a diventare una Docg. Un sogno che si realizza per l’Associazione Produttori Moscato Canelli impegnata da anni a promuovere questa giovane, ma vivace denominazione. L’iter è stato avviato in primavera con un provvedimento del Consorzio dell’Asti, approvato all'unanimità, che apre la strada della Denominazione di origine controllata e garantita all'attuale sottozona del Moscato d’Asti. Grande la soddisfazione: «Fatto il primo e fondamentale passo – dice Gianmario Cerutti, presidente dell’Associazione Produttori Moscato Canelli – nei prossimi mesi la pratica dovrà passare in Regione, a Roma e poi a Bruxelles».

Per avere la prima bottiglia di Canelli docg, bisognerà aspettare la vendemmia 2020. Intanto, i numeri parlano di una crescita: l’imbottigliato del primo semestre del 2019 sfiora le 200mila bottiglie, un più 30% rispetto ai primi 6 mesi del 2018.  «L’obiettivo delle 500mila bottiglie nel 2019 è ormai un dato quasi certo – annuncia Cerutti – anzi ci sentiamo di dire che puntiamo al milione di bottiglie in pochi anni, contando le sole aziende dell’associazione». 

La lieve flessione di bottiglie tra il 2017 e il 2018, scese da 410mila a 390mila, non deve ingannare: «È un dato che risente della scarsità della vendemmia 2017 – spiega Cerutti - Con la vendemmia 2018 sono aumentati del 20% gli ettari di superficie vitata destinata al Canelli: ormai siamo vicini ai 100 ettari e il potenziale di vino prodotto è di 850mila bottiglie».

I dati storici raccontano che nel 2014, si producevano 95mila bottiglie, diventate 123mila nel 2015, 220mila nel 2016, 410mila del 2017, 390mila dell’anno scorso. Una crescita costante, fermata solo in parte da una vendemmia scarsa, che in pochi anni segna un incremento del 90%. Piccoli numeri ma un segno di grande appeal per il Canelli, confermato dall’export: il 50% delle bottiglie vengono consumate sui mercati esteri.

«Il numero di aziende che credono e scommettono sul Canelli cresce costantemente – dice il presidente - e insieme cresce sempre più la convinzione di essere sulla giusta strada. Fare Canelli non è una scelta semplice per le regole che ci siamo dati: si sceglie di produrre Canelli perché è un progetto concreto per il futuro. Oggi siamo 19 aziende nell’Associazione, ovvero l’80% degli attuali produttori di Moscato Canelli».

Il primo anno di produzione del Moscato Canelli fu la vendemmia 2011. La zona di produzione comprende 23 comuni tra il Sud Astigiano e la Langa, in Piemonte, in un’area ad alta vocazione per la coltivazione dell’uva moscato bianco e “core zone” Unesco tutelata come Patrimonio dell’Umanità. Le uve spesso sono coltivate nei “surì”, ovvero quell’eccellenza piemontese di filari eroici di alta collina ben esposti al sole ma con pendenze tali che richiedono lavorazioni quasi esclusivamente manuali.  

 

La nuova Spa? È al vin brulé

30-11-2020 | Trend

Un bel bagno nel vin brulé, che c'è di meglio...

Chianti Classico: firmato protocollo d'intesa con il Consolato Usa sulla wine education

30-11-2020 | Arte del bere

Il Consorzio Vino Chianti Classico è uno degli interlocutori coinvolti...

Innovazione e resilienza: i percorsi post-Covid per le imprese secondo Confindustria

30-11-2020 | News

Con quali tempi si tornerà ai livelli di produzione manifatturiera...

Dal 30 novembre le domande di stoccaggio privato dei vini DOP e IGT

28-11-2020 | News

È stata pubblicata la circolare AGEA n. 78889 del 27...

Effetto Covid: per vino e spiriti valori quasi dimezzati nel fuori casa

27-11-2020 | News

L’anno peggiore di sempre per i vini e gli spiriti...

Mipaaf conferma l’incarico al Consorzio tutela vini d’Irpinia

27-11-2020 | Normative

Nella Gazzetta ufficiale della Repubblica Italiana del 26 novembre 2020 è stato...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.