News

 "L'export è una priorità, un toccasana per il comparto del vino, aceto e spiriti, a fronte di un mercato interno tiepido. In questi anni è stato il nostro ossigeno vitale, ma ora pesano incognite pesanti: dazi Usa e Brexit in primis. Poiché nel mondo c'è ancora tanta voglia di bere made in Italy il libero mercato è il campo di calcio dove dobbiamo giocare la nostra partita". Lo scenario internazionale è incerto, ma l'impegno e la volontà della filiera sono ben saldi. Lo ha ribadito ieri il presidente di Federvini Sandro Boscaini durante l'Assemblea annuale dell'associazione. "Dopo tanti investimenti in cantina e nell'innovazione - ha sottolineato Boscaini - non possiamo permetterci di vendere commodities".

Il presidente ha insistito anche sulla necessità di "investire" sul valore: "per fare questo, ha detto, dobbiamo comunicare meglio la nostra cultura. E dobbiamo aver una strategia istituzionale per crescere: le nostre aziende sono il massimo della localizzazione e al contempo il massimo della globalizzazione. Per crescere - ha aggiunto - dobbiamo essere più connessi col mondo".

In termini di promozione è necessario maggior cordinamento e, soprattutto, continuità:"in Cina dobbiamo andare con una strategia made in Italy, e anche le normative regionali devo essere coordinate". Preoccupano gli operatori vitivinicoli anche "alcune fughe in avanti" di alcuni Comuni: per Boscaini "serve cautela nelle leve fiscali, mentre alcune ordinanze estemporanee rischiano di bloccare la nostra attività". Sugli alcolici - ha concluso - serve procedere sulla strada dell'educazione e responsabilizzazione del consumatore. "Il vino da millenni ha accompagnato l'uomo, non va punito in via preventiva o con banalizzazioni come le etichette a semaforo"

Confindustria: come attenuare l’effetto-rincari delle commodity

17-01-2022 | News

L'aumento dei prezzi delle materie prime sui mercati internazionali, iniziato...

A Dubai piramide di coppe da champagne da Guinness dei primati

17-01-2022 | Arte del bere

Con un'altezza di 8,23 metri, una piramide realizzata da 54.740...

Doc Sicilia, dal 1° gennaio il sigillo di Stato sulle bottiglie

17-01-2022 | Normative

Dal 1° gennaio 2022 arriva sulle etichette dei vini Doc...

Cina, un mercato destinato a una crescita sempre più lenta? E intanto le etichette locali…

17-01-2022 | News

Il mercato cinese del vino rallenta. l dati registrano una...

Prosecco Doc, oltre 627 milioni di bottiglie e più valore

13-01-2022 | Trend

Le aziende appartenenti al Consorzio di tutela del Prosecco Doc...

Ristorazione in affanno: “Il Governo ci faccia rientrare nel decreto sostegni”

13-01-2022 | News

L’improvvisa ripresa dei contagi che ha compromesso il mese più...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.