News

Scampato pericolo. Le etichette a semaforo sui prodotti alimentari non passano nemmeno stavolta. Il titolo del documento in esame a Ottawa durante il 45esimo Comitato del Codex Alimentarius, “Nuove linee guida del Codex Alimentarius sulle etichettature nutrizionali fronte-pacco” nascondeva un nuovo pericolo per il comparto agro-alimentare italiano che rischiava ancora una volta di essere penalizzato con semafori e graduatorie allarmistiche a livello internazionale. “Rischio sventato - commenta OnuItalia.com, il giornale italiano delle Nazioni Unite - grazie all’azione della diplomazia italiana che ha ricompattato la posizione europea facendo sì che il testo in discussione a Ottawa non venisse approvato”.

Ci sono voluti due giorni di intensi negoziati preceduti da un capillare lavoro preparatorio in sede UE a Bruxelles e all’ONU di Ginevra. A Ottawa è stato decisivo l’appoggio degli Stati Uniti, presenti sia come Ministero dell’Agricoltura che come Food and Drug Administration, d’accordo sul fatto che questi sistemi di etichettatura, se posti in vigore, devono essere sostenuti da solide basi scientifiche, come previsto del resto dal regolamento del Codex. Il documento non è dunque passato: se ne riparlerà tra un anno, un anno e mezzo, hanno indicato fonti diplomatiche.

Il Codex Alimentarius, incaricato di proteggere la salute dei consumatori e di assicurare pratiche corrette nel commercio alimentare, è un’iniziativa congiunta dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Istituito negli anni ’60, questo foro internazionale ha l’obiettivo di guidare e promuovere l’elaborazione e l’applicazione di definizioni e requisiti per gli alimenti, incoraggiarne l’armonizzazione e, così facendo, favorire il commercio internazionale. La maggior parte della popolazione mondiale vive nei paesi che sono membri del Codex Alimentarius e che quindi partecipano alla definizione degli standard qualitativi e molto spesso all’implementazione degli stessi a livello nazionale e regionale.

Pur non essendo legalmente vincolanti, gli standard qualitativi adottati dal Codex Alimentarius hanno notevole peso e sono ampiamente riconosciuti in quanto basati su una solida documentazione scientifica. Ove opportuno, l’Organizzazione Mondiale per il Commercio fa riferimento agli standard del Codex nella soluzione di controversie commerciali che interessano generi o prodotti alimentari. Tali standard sono quasi sempre un punto di partenza per le leggi e le norme nazionali e regionali.

Istat o Dogane? Così va letta la "Babele" di dati sull'export di vino italiano

14-06-2019 | News

“Bene il vino italiano in Cina nel primo trimestre di...

Micaela Pallini: il mondo scopre i cocktail italiani

14-06-2019 | News

Grazie al traino della riscoperta dei cocktail italiani, l'Italia cresce...

Cina: cala l'import di vino (-8%) ma il mercato si apre a più tipologie e sale la qualità

14-06-2019 | News

Lo scorso anno è stato particolarmente difficile per il mercato...

A spasso per la Valcamonica, tra vigne e vini

14-06-2019 | Itinerari

Nel 2003, il riconoscimento dell’Indicazione Geografica Tipica dei vini della Valle...

L'Oman impone il 100% di accise sull'alcol

13-06-2019 | Normative

Il Sultanato dell'Oman si prepara a introdurre un'accisa del 100%...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection