News

I vini e mosti hanno chiuso l’export 2018 a quota 6 miliardi 377 milioni, con un passo espansivo sul 2017 (+3,4%) perfettamente allineato a quello del “food and beverage” nel suo complesso. E’ un risultato importante, considerando che il settore vanta una proiezione export oriented, ovvero una incidenza del fatturato export sul fatturato totale, di tutto rispetto, pari al 60%, di gran lunga superiore a quella del “food and beverage” nazionale, che rincorre da lontano, con una incidenza del 23,7%. 

Ma il vino nazionale non ha guardato solo ai grandi numeri, ha guardato anche alla qualità del venduto. Il +3,4% dell’export in valuta si è confrontato infatti con una quota export pari a 20,9 milioni di ettolitri, che vuol dire una contrazione in quantità del -7,6% sull’anno precedente e, quindi, apprezzamento del valore unitario del venduto oltre frontiera superiore a 10 punti percentuali. 

La strada della valorizzazione del valore aggiunto esitato sui mercati era già iniziata, ma nel 2018 ha avuto una netta accelerazione, rispetto ai delta marginali valore/quantità emersi negli anni precedenti.   

Va aggiunto che il vino nazionale ha continuato nella strategia di allargamento degli sbocchi e, assieme, di consolidamento dei mercati principali. Non a caso i primi due mercati del settore, USA e Germania, hanno segnato progressi dell’export, rispettivamente, del +4,1% e del +3,9%, superiori alla media mondo. 

Infine, un accenno al comparto degli spiriti. Le “acquaviti e liquori” hanno addirittura “strappato”, con un progresso dell’export 2018 in valuta pari al +25,3%, che rappresenta il primato fra tutti i settori del “food and beverage” nazionale. Da sottolineare i progressi sul mercato USA e su quello del Regno Unito, pari rispettivamente al +44,7% e al +37,7%. Anche qui siamo di fronte a una leadership  assoluta, con una proiezione export oriented del comparto che supera il 95%. 

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.