News

Nessun via libera - per il momento - all’aumento delle accise per il vino in Europa. Dalla riunione di oggi dell’Ecofin (i ministri delle Finanze dei Paesi membri) non è emerso infatti un totale accordo sulla proposta della presidenza rumena volta a consentire agli Stati membri l’adozione di un sistema unico di tassazione delle bevande alcoliche.

Di fatto i ministri, pur approvando in larga misura la proposta di compromesso della presidenza, non hanno raggiunto un accordo complessivo.

Si è convenuto di ritornare sull’argomento in una delle prossime riunioni.

In particolare occorre un supplemento di dibattito su 5 argomenti.

- Articolo 3 sul grado plato: la Romania ha proposto un periodo transizione fino al 2030 in cui gli Stati membri possono continuare ad utilizzare i sistemi attuali.

- Articolo 9 sui piccoli produttori di vino: la Romania propone un livello di compromesso a 1000 ettolitri per il diritto ad accise ridotte, con esclusione per Malta.

- Articolo 23 su metodi alternativi per il calcolo delle accise: la Romania propone di ammettere il calcolo in base alle percentuali di volume alcolico fino al 2030 e solo dopo valutare il sistema.

- Articolo 27 sulle esenzioni per i prodotti alcolici utilizzati nella produzione di cibi. 

- Articolo 22 sulle piccole distillerie artigianali: la Romania propone un limite massimo di 175 litri per l’esenzione.

La Commissione sostiene da un lato che il testo presentato dalla presidenza rumena consente di ridurre i costi per i piccoli produttori ma allo stesso tempo fa notare che non sia stato valutato appieno l’impatto della modifica del sistema di calcolo delle accise. Inoltre la Commissione è contraria all’esenzione per le piccole distillerie e ritiene che il limite di 175 litri sia troppo elevato. Infine ritiene necessaria una ulteriore consultazione del Parlamento europeo sull’argomento.

La maggioranza degli Stati membri ha dichiarato che sono necessari ulteriori confronti a livello tecnico.

Solo Italia, Spagna, Grecia e Portogallo si sono opposte alla possibilità di utilizzare metodi alternativi per il calcolo delle accise. Anche la Germania ha sottolineato la necessità di ulteriori valutazioni (anche legali) sull’impatto delle eventuali modifiche.

Romania, Estonia, Svezia e Irlanda si sono dette invece a favore della proposta della presidenza rumena.

Lussemburgo, Slovenia e Slovacchia erano pronte ad adottare il testo così com’era.

Rispetto all’accisa ridotta per i piccoli produttori, l’Italia ha messo in guardia sui rischi di concorrenza sui mercati.

Il Governo italiano attiva la procedura d'infrazione contro la Slovenia

08-08-2022 | News

Il Governo Italiano ha attivato la procedura d’infrazione ex art...

Teatro con cena ispirata all’antica Grecia nella Valle dei Templi

04-08-2022 | Itinerari

Continua anche quest'anno a Le Stoai, nella Valle dei Templi, il Simposio...

Vademecum vendemmiale Icqrf per la campagna vitivinicola 2022-2023

02-08-2022 | Normative

In occasione della campagna vitivinicola 2022-2023 è stato pubblicato sul...

Volo in ritardo o cancellato? A Londra c’è il vino di “supporto emotivo”

02-08-2022 | Arte del bere

Sebbene non possa compensare del tutto lo stress di un...

Regno Unito: progetti pilota sulle frontiere per eliminare possibili ripercussioni da Brexit

02-08-2022 | Estero

Il 13 luglio 2022 il ministro britannico per le Opportunità...

La crisi sui dazi cinesi fa crollare le esportazioni di vino australiano di 2,08 miliardi di dollari

02-08-2022 | News

Secondo l'ultimo rapporto sulle esportazioni di Wine Australia, il valore...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.