News

Il percorso Brexit è alle ultime battute. Se il Parlamento inglese non avallerà la proposta di revisione dell’accordo con la Ue messa ai voti dalla premier Teresa May il rischi di un’uscita “no deal” diventa drammaticamente realistico. Con tutto ciò che questo comporta nei rapporti commerciali tra Gran Bretagna e continente. Ritorno di dazi e tariffe, accordi bilaterali con i vari Paesi ecc.

Per quanto riguarda in particolare il settore Wine & Spirits il rischio è di un aumento delle spese di almeno 70 milioni di sterline. Lo ha calcolato la Wsta - Wine & Spirits Trade Association, che già, qualche settimana fa, aveva chiesto l Governo la sospensione di tutte le tariffe sul vino in caso di hard Brexit.

Ieri ha rilanciato - con una lettera indirizzata al ministro di Ambiente, Cibo e Agricoltura Michael Gove, al ministro del Commercio Internazionale Liam Fox e al Cancelliere dello Scacchiere Philip Hammond - in cui ha ribadito le preoccupazioni del settore.

Per importare vino - sottolinea Wsta - sarà necessario produrre ulteriore documentazione e nuovi test di laboratorio, come conseguenza dell’uscita dal sistema Emcs  (Excise Movement Control System), che documenta elettronicamente le importazioni ed esportazioni di alcolici tra Paesi Ue. 

Attualmente il 55% del vino consumato nel Regno Unito è importato da un Paese Ue. In caso di “no deal” i produttori europei dovranno pagare per compilare i formulari VI-1 e per nuovi test di laboratorio, indipendentemente dalla quantità di vino. In tutto, calcola Wsta, si produrranno almeno 650mila nuovi formulari VI-1, da compilare a mano e del costo di 20 sterline ciascuno.

Ovviamente i più penalizzati saranno i piccoli produttori.

Per questo motivo Wsta ha consigliato ai propri associati di incrementare le scorte del 20%.

 Export verso Regno Unito Valore (Millioni di euro) Quantità (.000 hl - hlpa)
Prodotto

Gen- Nov 2018

Var. % 2018/2017 

Gen - Nov 2018

Var. % 2018/2017  

Spumanti  392,61 6,28 % 1.065,48
0,79 %
 Vini DOP 170,66 11,06 % 609,69 18,88 %
 Vini IGP 138,14 -18,78 % 719,41 -27,30 %
Altri Vini 38,85 % 24,13 % 236,15 11,28 %
Vini e mosti 771,05 2,52 % 2.734,80 -5,50 %
Acquaviti di vino e di vinaccia 0,39 -44,48 % 0,16 -87,83 %
Acquaviti di cereali e altri prodotti 29,76 306,81 % 40,30 223,35 %
Liquori 40,38 40,09 % 17,31 -14,66 %
Industria delle Acquaviti e dei Liquori 100,47 31,83 % 73,91 46,55 %
Aceto di vino 5,36 -11,70 % 26,42 -30,09 % 
Altri Aceti 6,28 -2,87 % 25,47 1,56 % 
Totale Aceto 11,91 -3,80 % 51,89 -17,47 % 

Elaborazioni Federvini su Dati ISTAT

 

L'enologo siciliano Pietro Russo terzo Master of Wine Italiano

26-02-2024 | Arte del bere

Pietro Russo, rinomato enologo siciliano, ha ottenuto il prestigioso titolo...

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.