Itinerari

Federvini consiglia i posti da visitare e gli itinerari da seguire per apprezzare ogni sfumatura dello stile di vita mediterraneo.

Il Cannonau è il vino che più d'ogni altro richiama alla memoria la Sardegna, le sue antiche tradizioni e la sua genuina ospitalità. La coltivazione del vitigno, iniziata sin dal periodo Nuragico (II millennio a.C.), trova il suo ambiente d'elezione nelle zone interne, in particolare Barbagia, Ogliastra, Mandrolisai. Si produce nelle tipologie rosso, rosato, riserva, liquoroso secco e dolce; la gradazione minima è di 12,5 gradi. Il vino si presenta con una buona struttura e con sentori di fiori o frutti rossi, freschi, con note più mature di confettura e sfumature speziate nella tipologia riserva o liquoroso. Si accompagna amabilmente ai piatti tipici delle zone interne, come formaggi stagionati, arrosti di carne, dolci a base di frutta secca.

La Sardegna è ricchissima di peculiarità paesaggistiche e archeologiche, artistiche e architettoniche. Ancor più vero è per le zone interne, dove la maestosità degli antichi nuraghi fa da contraltare alle esposizioni di arte contemporanea, e ordinati filari di vite in collina si contrappongono alle selvagge e inesplorate zone di montagna.

La "Strada del Vino Cannonau" è un'Associazione senza scopo di lucro, fondata il 15 gennaio 2009 con la partecipazione di 21 soci fondatori, per la promozione e valorizzazione turistica dei territori rurali a vocazione vitivinicola delle Provincie di Nuoro ed Ogliastra, riconosciuta dalla Regione Sardegna ai sensi della normativa vigente in materia, denominata "Disciplina sulle strade del vino". E' un percorso tematico che abbraccia le aree geografiche del Nuorese, del Mandrolisai e dell'Ogliastra dove si alternano scenari incantevoli di grande pregio naturalistico che spaziano dalla montagna al mare, a paesaggi agricoli modellati dall'attività umana, in un contesto ricco di emergenze archeologiche e testimonianze di una storia millenaria, siti nuragici, tombe dei giganti e domus de Janas.

La Strada prende il nome del vino più conosciuto e rinomato della tradizione enologica sarda e dell'omonimo vitigno, diffuso in tutta la Sardegna, ma con una grande prevalenza nel Nuorese e nell'Ogliastra, aree in cui le comunità locali attribuiscono al vino Cannonau grande importanza economica, storica e culturale. Grazie al sapiente lavoro delle generazioni di vignaioli che si sono susseguiti, che hanno selezionato e propagato sino ai giorni nostri, apprezzandone sia la vocazione naturale che la capacità di abbinarsi con alcune pietanze tipiche della gastronomia locale.

Il profondo legame con il territorio ha radici molto antiche, come testimoniano numerosi reperti rinvenuti nei diversi siti archeologici. La coltivazione del Cannonau interessa una costellazione di piccoli produttori, che presidiano con i loro vigneti un paesaggio collinare e montano ricco di biodiversità e che lo trasformano in proprio o in associazione nelle numerose cantine ove è possibile conoscere e degustare il vino della Strada.

L'itinerario mette in rete le aziende agricole e il paniere dei prodotti agroalimentari tipici di quest'area, come ad esempio i rinomati formaggi di pecora, tra i quali il Fiore Sardo Dop, di capra, il famoso "porcetto tipico sardo" ed i salumi, l'olio extra vergine d'oliva, il pane carasau ed il pane pistoccu, le paste fresche quali i culurgionis, i dolci, nonché le aziende di ricezione turistica e della ristorazione, che garantiscono ospitalità rurale e alberghiera improntata alla riscoperta dei costumi locali e a menù e ricette della tradizione enogastronomica locale.

La produzione artigianale fortemente legata alle tradizioni suscita particolare interesse, sia per l'originalità delle sue forme che per le materie prime utilizzate: tra gli esempi più significativi si citano le lavorazioni tipiche del ferro battuto, del legno e del sughero, del cuoio e del pellame, il tappeto, i tessuti e i ricami, la ceramica, l'oreficeria ed altre. Nel territorio della Strada infine sono ubicate le istituzioni culturali e le strutture museali, che favoriscono la diffusione e la conoscenza del territorio e delle tradizioni popolari, gli usi e i costumi di una civiltà contadina e agropastorale quanto mai presente e vitale nelle aree rurali delle provincie di Nuoro ed Ogliastra.

Info: www.stradadelvinocannonau.it

Apre in Norvegia il primo ristorante sottomarino

21-03-2019 | Estero

Il primo ristorante subacqueo d’Europa aprirà il mese prossimo sulla...

Marc Almert, tedesco, 27 anni, è il miglior sommelier del mondo 2019

19-03-2019 | Arte del bere

È un tedesco 27enne di Colonia il miglior sommelier del...

Champagne, fatturato mondiale record a 4,9 miliardi (anche se scendono i volumi)

19-03-2019 | Trend

Non si ferma la crescita a valore dello Champagne anche...

Leonardo Manera: sono un riciclatore seriale di vini

19-03-2019 | Protagonisti

“Fare un pezzo sul vino? In effetti non ci ho...

Il ministro Centinaio al ProWein: serve un'immagine unitaria per il vino italiano

19-03-2019 | News

Il ministro Gian Marco Centinaio ha partecipato alla fiera ProWein di  Düsseldorf incontrando...

Luxury Investment Index: in 10 anni il whisky ha corso più di tutti (+582%)

19-03-2019 | News

Meglio di orologi, auto d’epoca, arredi antichi, diamanti e francobolli...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.