Itinerari

Federvini consiglia i posti da visitare e gli itinerari da seguire per apprezzare ogni sfumatura dello stile di vita mediterraneo.

Venerdì, 22 Febbraio 2019

In terra di Brunello

di Teresa Capodimonte

L'altitudine e il clima della regione intorno a Montalcino permettono alle uve Sangiovese dell'area di maturare in modo più completo e consistente rispetto a quelle di qualsiasi altro luogo della Toscana; questi fattori contribuiscono alla corposità, al colore, all'estratto ed al tannino comunemente associati al Brunello di Montalcino.

Situata a meno di 50 km a sud di Siena, la strada per arrivare a Montalcino attraversa alcuni dei paesaggi più caratteristici della Toscana, tra cui le famose colline della Val d'Orcia e le Crete Senesi. Ubicata in posizione dominante su una collina, la cittadina di Montalcino regna sulla vallata con le sue mura medievali e la fortezza del tardo 1300, arrivando ad includere l'incantevole Abbazia di Sant'Antimo a sud, con San Quirico appena fuori dai suoi confini orientali e Bagni di Petriolo da quelli occidentali.

I diversi resti archeologici testimoniano che persino gli Etruschi erano a conoscenza delle qualità intrinseche di quest'area per la produzione del vino. La posizione permette, infatti, un'esposizione solare ideale che fa maturare le uve in modo perfetto per un prodotto particolarmente adatto a essere sottosposto a lunghi periodi di invecchiamento con un sapore e un gusto, un aroma e un aspetto decisamente superiori.

La regione intorno a Montalcino dove vengono coltivate le uve del Brunello copre un'area di circa 24.000 ettari, delimitata dai fiumi Ombrone, Asso ed Orcia; nonostante questo, solo il 15% (circa 4.000 ettari) è dedicato alla coltivazione delle uve, suddiviso tra più di 200 produttori. 

Il Brunello fu "creato" verso la metà del XIX secolo dopo che Clemente Santi decise di diversificare la produzione vinicola dell'area, concentrata principalmente su un vino bianco dolce chiamato Moscadello di Montalcino. I suoi esperimenti diedero vita ad un vino "bruno", dal colore quasi marrone, da cui deriva, appunto, il nome di Brunello. Fu in occasione dell'Esposizione Agraria di Montepulciano del 1869 che questo suo vino, "un vino rosso selezionato del 1865 (brunello)" fu ufficialmente premiato. Per molti, questa è la data che contrassegna la nascita del Brunello, che si distingue da altri vini fatti sempre con vitigni Sangiovese grazie alla sua particolare predisposizione alla lunga durata ed all'invecchiamento. Ben presto, entrò a far parte del mercato vinicolo, divenendo un simbolo internazionale della qualità "Made in Italy".

Liv-ex Power 100: tornano in evidenza le etichette classiche, l’Italia regge

27-11-2021 | Arte del bere

L'ultima edizione del Liv-ex Power 100, il sito di scambio...

Riparte l’export agroalimentare Ue: in Usa export trainato da vino, distillati e liquori

27-11-2021 | Trend

Riprendono slancio le esportazioni agroalimentari Ue. Secondo i dati della Commissione...

Patuanelli: la Francia potrebbe fare un passo indietro sul Nutriscore

27-11-2021 | News

"La Francia potrebbe fare un passo indietro rispetto al Nutriscore". Lo...

Trieste: esperienze outdoor tra il mare e il Carso

26-11-2021 | Itinerari

Trieste è una città di mare, ma non solo. Alle...

Il Prosecco rosé più amato dagli inglesi? E’ quello di Kylie Minogue

25-11-2021 | Estero

C'è un Prosecco rosé che ha letteralmente "sbancato" nel Regno...

Craft-mania negli Usa: previsto un balzo per gli alcolici artigianali

25-11-2021 | Trend

Nel 2020 i liquori artigianali negli Stati Uniti hanno incrementato...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.