Dall'estero

Atene torna a brindare con più leggerezza. L’Alta Corte greca ha infatti cancellato l’imposizione su vino introdotta dal governo nel 2016 tra le varie norme di austerity messe in campo per ottemperare le richieste della Troika e rimettere in sicurezza i conti pubblici.

Una vittoria per i produttori vinicoli e le loro associazioni che avevano fatto ricorso contro l’introduzione dell’accisa. Il nuovo regime era entrato in vigore il 1 gennaio 2016: 15 centesimi su ogni bottiglia da 75 cl e 20 centesimi al litro.

La decisione della corte avrà effetto immediato e dunque l’accisa verrà tolta. Non sarà comunque una grave perdita per lo Stato. L’anno scorso il ministro dell’Agricoltura aveva già lamentato gli scarsi risultati dell’imposizione. Nelle casse pubbliche erano infatti entrati solo 14 milioni di euro, contro i 60 messi a budget.

Mediobanca: nel 2020 fino a 2 miliardi di perdite nelle vendite di vino

26-05-2020 | News

Consueta, dettagliata fotografia del mondo del vino (nazionale e internazionale)...

Covid: le proroghe dei termini nel settore agricolo

26-05-2020 | Normative

Con il decreto n. 5779 del 22 maggio 2020 il...

Chiarimenti sulle regole di distillazione e riduzione delle rese

26-05-2020 | Normative

Venerdì 22 maggio si è tenuta una riunione convocata dal...

I consigli di Liv-ex per adattare le strategie di vendita al periodo post Covid

25-05-2020 | Trend

La pandemia Covid negli ultimi tre mesi ha radicalmente mutato...

Arriva la app per la gestione digitale della cantina

25-05-2020 | Trend

Fase 2: una “foodtech company” al fianco dei ristoratori per...

Cantina Italia, giacenze in calo del 1,5% rispetto al 14 maggio

25-05-2020 | Studi e Ricerche

Alla data del 21 maggio 2020 negli stabilimenti enologici italiani...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection