Dall'estero

Sono entrate in vigore le riduzioni delle tasse sugli alcolici in Thailandia  annunciate all'inizio dell'anno.  Le nuove norme sono in vigore dal 1° marzo. Il gabinetto ha proposto una riduzione delle tasse sugli alcolici a tre livelli. In primo luogo, i dazi all'importazione del 54% sono annullati totalmente. In secondo luogo, l'accisa scende dal 10% al 5%. Un'altra accisa, che si applica al volume e alla percentuale di alcol, calcolata a 1.500 Bhat al litro per ogni 100 gradi di contenuto alcolico, scenderà ora a 1.000 Bhat.

Secondo Michel Conrad di Independent Wine and Spirits Ltd, un importante importatore, le ragioni alla base della revisione del sistema fiscale sono due. "In primo luogo, il nuovo governo vuole promuovere il turismo", afferma. In secondo luogo, "stanno cercando di eliminare le aziende che non dichiarano la quantità corretta di vino che importano".

Tutti gli importatori sono ora tenuti a registrare nuovamente ogni etichetta presso il dipartimento delle accise, e questa volta saranno le dogane e le accise a determinare il valore del vino.

Un importatore ha rivelato al sito britannico Tre Drinks Business che il sito web delle accise thailandesi si è bloccato due ore dopo l'apertura delle registrazioni. Fino al 10 marzo le aziende non erano ancora in grado di pagare i dazi su nessuna bottiglia di vino dopo l'entrata in vigore delle nuove norme all'inizio del mese. Ma hanno dichiarato di sperare che la situazione cambi questa settimana.

Nonostante i problemi iniziali, il settore è ampiamente ottimista. Attualmente, le previsioni favoriscono i vini di qualità superiore (con un valore pari o superiore a 1000 Bhat) rispetto ai vini di prezzo medio-basso (con un valore inferiore a 1000 Bhat). In precedenza, i vini con un prezzo inferiore a 1000 Bhat erano esenti dall'accisa del 10%. Con il nuovo sistema di tassazione, tutti i vini saranno tassati al 5%.

Secondo molti operatori i vini al di sotto dei 1000 Bhat rappresentano il 95% dei vini presenti sugli scaffali dei rivenditori. La tassazione al 5% eliminerà la maggior parte dei risparmi ottenuti grazie all'esenzione dai dazi all'importazione e alla riduzione delle accise per volume.

foto unsplash

 

I vini europei sono i più avvantaggiati. I Paesi che hanno un accordo di libero scambio con la Thailandia, come Australia, Cile, Nuova Zelanda e Perù, sono esenti dal pagamento dei dazi all'importazione e quindi non subiranno alcun cambiamento. 

All’Accademia dei Georgifili si celebra il centenario di Oiv

23-04-2024 | Arte del bere

Festa a Firenze per i 100 di vita dell'Organizzazione internazionale...

Il labirinto della vite: un viaggio sensoriale nell'enologia e nell'arte

23-04-2024 | Arte del bere

Nel cuore dei comuni di Bassiano, Sezze e Sermoneta, la...

Aumento delle accise sul vino in Russia: come influirà sui prezzi al consumo?

23-04-2024 | Estero

L'aumento delle accise sui prodotti vinicoli in Russia non dovrebbe...

Sughero vs vite: un dibattito sulla sostenibilità delle chiusure nel mondo del vino

23-04-2024 | Studi e Ricerche

L'uso dei sugheri rispetto alle chiusure a vite nel mondo...

Rinviata a luglio 2025 l'entrata in vigore delle nuove normative Eaeu sul vino

23-04-2024 | Normative

L'entrata in vigore delle nuove normative tecniche dell'Unione economica eurasiatica...

Verifood, l’AI in aiuto per tutelare i marchi Dop e Ig

19-04-2024 | Studi e Ricerche

Un sistema di ricerca automatica sul web per scoprire usurpazioni...

Please publish modules in offcanvas position.