Dall'estero

La recente festività del Capodanno Lunare in Cina ha offerto una panoramica del mercato degli alcolici, rivelando una tendenza al ribasso negli acquisti dei consumatori. Questo sviluppo, evidenziato dai dati di un monitor delle vendite al dettaglio appena lanciato, potrebbe creare dei problemi alle aziende che esportano nel paese e speravano di risollevare le loro vendite dopo un 2023 in discesa.

Il Baijiu, la bevanda nazionale cinese, domina il mercato degli alcolici rappresentando circa il 93% delle vendite, con un valore annuo di quasi 350 miliardi di dollari. Due compagnie detengono una fetta significativa di questo mercato e le loro performance commerciali sono un indicatore critico del sentiment dei consumatori cinesi.

Il monitoraggio delle vendite ha rivelato una variazione interessante nei pattern di acquisto durante le festività. Sebbene la domanda di bottiglie di fascia alta (oltre i 115 dollari) abbia registrato una crescita a una cifra, queste rappresentano solo una piccola percentuale delle vendite, in gran parte confinate a banchetti aziendali e regali. Al contrario, la fascia di prezzo tra 70 e 115 dollari, rivolta alle cene di famiglia e alle feste con amici, ha visto una netta tendenza al ribasso, con un aumento dei punti vendita che offrivano le stesse bottiglie a prezzi inferiori rispetto all'anno precedente.

Il declino dei prezzi è stato particolarmente evidente per le bottiglie premium delle grandi marche, che hanno subito il maggior calo del prezzo al dettaglio. In risposta, le vendite nella fascia da 14 a 55 dollari hanno registrato una crescita significativa, mentre le categorie di alcolici come cognac e whisky, nonostante gli sforzi di marketing, stentano a guadagnare terreno.

Questi dati indicano che, nonostante gli sforzi dei produttori globali di alcolici nel cercare di attrarre la crescente classe media cinese con i loro marchi premium, il consumo di baijiu continua a dominare il mercato e si prevede che crescerà ulteriormente, raggiungendo oltre 180 miliardi di dollari entro la fine del 2026. 

In conclusione, il panorama delle vendite di alcolici durante il Capodanno Lunare in Cina offre una lezione importante per i produttori globali, evidenziando la necessità di comprendere e adattarsi alle preferenze e ai comportamenti dei consumatori locali, nonché la sfida di competere con le bevande tradizionali radicate nella cultura cinese.

La Cina minaccia nuovi dazi sui prodotti europei, nel mirino anche i vini

22-05-2024 | News

La Cina potrebbe prendere di mira le esportazioni di vino...

Brasile, alluvioni devastanti mettono in ginocchio i vigneti del Rio Grande do Sul

21-05-2024 | Estero

Il Rio Grande do Sul è stato colpito da abbondanti...

"Manifesto" delle aziende vinicole europee: 6 priorità per garantire la sostenibilità del settore

21-05-2024 | News

Il Comitato Europeo delle Aziende Vinicole (Ceev) ha pubblicato oggi...

Australia conferma l'aumento delle accise sugli alcolici anche nel 2025

21-05-2024 | Estero

Durante la presentazione del Bilancio Federale per il 2024-2025, il...

Consultazione nel Regno Unito su 60 leggi relative ad alimentari e bevande ereditate dalla Ue

21-05-2024 | Estero

I governi del Regno Unito, della Scozia, dell'Irlanda del Nord...

Whisky: produttori scozzesi e Usa uniti contro il rischio di ripristino dei dazi

21-05-2024 | News

Tra ottobre 2019 e marzo 2021, i produttori di Single...

Please publish modules in offcanvas position.