Dall'estero

I viticoltori del deserto israeliano del Negev coltivano varietà d'uva moderne come il Pinot Nero e lo Chardonnay, ma un nuovo studio dimostra che le sabbie della regione ospitavano un tempo cultivar molto diverse, reliquie degne di nota sia per il passato che per il futuro.

Secondo quanto riporta il sito britannico Decanter, uno studio pubblicato nei Proceedings of the National Academy of Sciences ha confrontato le informazioni genetiche di una manciata di vinaccioli provenienti dai resti di un monastero bizantino con centinaia di cultivar moderne e di uve selvatiche e da tavola provenienti da Israele e non solo.

L'altopiano del Negev ha una storia interessante che non è stata raccontata", ha dichiarato Guy Bar-Oz, archeologo dell'Università di Haifa, che negli ultimi sei anni ha effettuato scavi di insediamenti bizantini nel deserto. Secondo i nuovi dati genetici, uno dei vinaccioli del Negev risaliva all'ottavo secolo e probabilmente proveniva da un'uva bianca.

Se i resti archeologici confermeranno la scoperta, potrebbe trattarsi della prima uva bianca documentata in tutto il mondo - anche se lo studio osserva che lavori precedenti hanno suggerito che il colore bianco di alcune varietà ha origini multiple.

È possibile che quest'uva possa anche rispondere a un assillante mistero storico che circonda l'identità del famoso vinum Gazetum, o vino di Gaza, di epoca bizantina. "Ci sono riferimenti storici che parlano di questo vino bianco dolce, il vino di Gaza", ha detto Bar-Oz.

Questo vino veniva prodotto nel Negev e spedita attraverso il porto di Gaza, da dove raggiungeva il Mediterraneo e le tavole dei monarchi in Germania, Francia e Gran Bretagna. Tuttavia, la mancanza di prove di varietà bianche del periodo ha lasciato perplessi.

I ricercatori dell'ultimo studio hanno fatto luce anche sul commercio bizantino. Poiché in epoca bizantina la vite produceva i maggiori profitti di qualsiasi coltura, le varietà di qualità del Negev venivano diffuse lungo le rotte commerciali.

Bar-Oz e il suo team hanno scoperto che un'altra uva antica era un antenato di una varietà rossa moderna chiamata Asswad Karech nel vicino Libano. Sull'isola di Creta, a più di 1.000 chilometri di distanza, una progenie dell'Asswad Karech è stata utilizzata per produrre un altro vino storico: La Malvasia, famosa nel Medioevo e prodotta ancora oggi sull'isola.

Le scoperte nel Negev non sono preziose solo per la comprensione del nostro passato; i ricercatori hanno detto che il loro lavoro può essere rilevante anche per le sfide climatiche di oggi. Se le comunità del deserto sapevano come progettare notevoli sistemi di irrigazione, era altrettanto vitale per loro selezionare le giuste cultivar di vite, in quello che è un clima insolitamente estremo per la Vitis vinifera.

"Il Negev è un'area che riceve circa 100 millimetri di pioggia in un anno buono, con forti fluttuazioni tra le stagioni", ha detto Bar-Oz. Tuttavia, la viticoltura è stata molto fiorente in quest'area nel corso dei secoli.

Secondo lo studio, i parenti stretti delle "uve archeologiche" dei giorni nostri potrebbero fornire una piattaforma per studi futuri sulla resistenza della vite a tali condizioni.

 

Alla scoperta dei sapori di Trapani: un viaggio enogastronomico dal mare alla valle del Belice

13-06-2024 | Itinerari

Un viaggio enogastronomico nella provincia di Trapani è un'esperienza che...

Masaf: deroga al 3% per la ristrutturazione dei vigneti nelle aree colpite da peronospora

13-06-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Vent’anni di export: la corsa di vino e spirits sui mercati internazionali

12-06-2024 | News

Negli ultimi anni, il panorama mondiale dell'export di vino e...

In dono ai Capi di Stato del G7 l’Atlante del patrimonio agroalimentare italiano

12-06-2024 | News

In occasione del prossimo G7, il governo italiano ha deciso...

Usa, indagine sulle sovvenzioni cinesi ai produttori di bottiglie

12-06-2024 | Estero

Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha stabilito in...

No Binge: premiato il progetto dell’Università di Verona

11-06-2024 | News

Ancora un successo per “No Binge – Comunicare il consumo responsabile”, il...

Please publish modules in offcanvas position.