Dall'estero

I devastanti incendi che hanno colpito il Cile meridionale all'inizio di febbraio hanno lasciato in cenere oltre 300 ettari di vigneti, secondo i dati ufficiali pubblicati la scorsa settimana.

Gli incendi, che hanno interessato oltre 450.000 ettari sono ancora attivi, pertanto le cifre diffuse dal Ministero dell'Agricoltura cileno sono suscettibili di future revisioni.

Secondo il Ministero, la maggior parte dei danni si è verificata nella regione di Ñuble, meglio conosciuta come la regione vinicola di Itata, con 291 ettari di vigneti persi. Anche le vicine Bio Bio e Maule hanno registrato perdite rispettivamente di 15 e 3 ettari.

La maggior parte di coloro che sono stati colpiti sono piccoli coltivatori indipendenti con vecchie vigne, che in alcuni casi hanno più di 100 anni. "Oggi Itata piange", ha detto a The Drinks Business Miguel Molina, vigneron di terza generazione di TresC a Guarilihue, una delle regioni più colpite. "Siamo in lutto per la perdita del nostro patrimonio: vigneti di oltre 100 anni completamente bruciati".

Alcuni dei piccoli produttori colpiti stanno raccogliendo fondi per recuperare parte delle perdite subite - un elenco è pubblicato su southamericawineguide.com - anche se non tutti hanno i mezzi per ricevere fondi internazionali.

Anche Wines of Chile ha creato un fondo su GoFundMe.com, che sarà suddiviso tra le famiglie colpite. Secondo il Ministero dell'Agricoltura, gli incendi hanno colpito molti altri frutticoltori della regione, con oltre 6.800 produttori in Itata, Bio Bio, Maule e Araucanía.

Oltre ai danni all'industria vinicola del Cile meridionale, gli incendi hanno causato la morte di 25 persone e di oltre 16.800 animali. Finora sono state arrestate più di 40 persone in relazione agli incendi.

Foto: The Drinks Business

L'enologo siciliano Pietro Russo terzo Master of Wine Italiano

26-02-2024 | Arte del bere

Pietro Russo, rinomato enologo siciliano, ha ottenuto il prestigioso titolo...

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Please publish modules in offcanvas position.