Dall'estero

Dal 2 di marzo scatta l’aumento dell’unità minima di prezzo per le bevande alcoliche vendute in Galles. Viene fissato un prezzo minimo di 50 penny (circa 70 centesimi) per unità di alcol.

E’ stata avviata una campagna di comunicazione rivolta ai venditori per ricordarne l’applicazione che finora era stata slittata per i pareri contrari di altri Stati membri, tra i quali il Portogallo che unitamente a Francia, Italia, Spagna e Bulgaria aveva espresso contrarietà anche alla legge scozzese di pari contenuti.

Sostenevano, infatti, che violava la legge europea sul libero scambio discriminando i prodotti alcolici importati, affermando che la politica era illegale, ingiusta e inefficace.

 

Cantine e vigne: l'identikit dell'enoturista e le "ricette" post-Covid

29-05-2020 | Arte del bere

Dopo un buon 2019 che in Italia ha visto salire...

Agea aggiorna e integra i precedenti provvedimenti

29-05-2020 | Normative

Con circolare n. 36399 del 28 maggio 2020 Agea Coordinamento...

Covid-19, riepilogo normativa in vigore al 28 maggio

29-05-2020 | Normative

In allegato il documento di riepilogo della normativa adottata sia...

Il turismo del vino riparte con il la "terapia del paesaggio": trekking nelle vigne e degustazioni

29-05-2020 | Itinerari

L’emergenza Covid-19, secondo un’indagine condotta dal Movimento Turismo del Vino...

Vittoria per l'Aceto Balsamico di Modena Igp in Germania

28-05-2020 | News

La Suprema Corte Federale tedesca conferma la piena tutelabilità dell’Aceto...

Asolo Prosecco, al via il nuovo piano del "cru" di collina

28-05-2020 | News

Dopo aver superato i 17 milioni di bottiglie nel 2019...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection