Dall'estero

Dal 2 di marzo scatta l’aumento dell’unità minima di prezzo per le bevande alcoliche vendute in Galles. Viene fissato un prezzo minimo di 50 penny (circa 70 centesimi) per unità di alcol.

E’ stata avviata una campagna di comunicazione rivolta ai venditori per ricordarne l’applicazione che finora era stata slittata per i pareri contrari di altri Stati membri, tra i quali il Portogallo che unitamente a Francia, Italia, Spagna e Bulgaria aveva espresso contrarietà anche alla legge scozzese di pari contenuti.

Sostenevano, infatti, che violava la legge europea sul libero scambio discriminando i prodotti alcolici importati, affermando che la politica era illegale, ingiusta e inefficace.

 

Gelo: in Francia sarà dichiarato stato di calamità per i vigneti (con relativi sussidi)

16-04-2021 | Estero

Nei giorni scorsi, a seguito delle gelate che hanno colpito...

Un doppio itinerario (in rosa) dell’Associazione Vignaioli Trevigiani rivolto ai wine maker

16-04-2021 | Itinerari

Doppio corso (in rosa) dell’Associazione Vignaioli Trevigiani e Coldiretti rivolto...

Censis, lavoro in agricoltura: 18.000 stagionali in meno nel 2020

15-04-2021 | Studi e Ricerche

Anche l’agricoltura paga un prezzo salato per la crisi scatenata...

Ice: accordo con Tannico su vendite online per 400 piccole cantine

15-04-2021 | News

Tannico, l’enoteca online con la più ampia e attenta selezione di...

Primitivo di Manduria: nel 2020 crescita del 26%

15-04-2021 | Trend

Oltre 28 milioni di bottiglie che corrispondono a più di...

Chianti Classico: nuova sentenza Ue a tutela del marchio

14-04-2021 | News

Nuova sentenza Ue a tutela del marchio del Chianti Classico...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.