Dall'estero

Dal 2 di marzo scatta l’aumento dell’unità minima di prezzo per le bevande alcoliche vendute in Galles. Viene fissato un prezzo minimo di 50 penny (circa 70 centesimi) per unità di alcol.

E’ stata avviata una campagna di comunicazione rivolta ai venditori per ricordarne l’applicazione che finora era stata slittata per i pareri contrari di altri Stati membri, tra i quali il Portogallo che unitamente a Francia, Italia, Spagna e Bulgaria aveva espresso contrarietà anche alla legge scozzese di pari contenuti.

Sostenevano, infatti, che violava la legge europea sul libero scambio discriminando i prodotti alcolici importati, affermando che la politica era illegale, ingiusta e inefficace.

 

Monreale, il borgo arabo riconosciuto dall’Unesco

25-09-2020 | Itinerari

Una pausa dalla frenesia quotidiana per godere delle meraviglie storiche...

Mipaaf: aggiornamenti sul Registro telematico del vino

23-09-2020 | Normative

È stato pubblicato l'aggiornamento della versione 4.9 della documentazione relativa...

Cantina Italia, 36,6 milioni di ettolitri di vino in giacenza all'16 settembre 2020

23-09-2020 | Studi e Ricerche

Alla data del 16 settembre 2020 negli stabilimenti enologici italiani...

Ecco i 50 cocktail classici più bevuti al mondo

23-09-2020 | Arte del bere

Negli ultimi anni l’arte della mixology ha avuto un’evoluzione vivacissima...

Abu Dhabi allenta le restrizioni all'acquisto di alcolici

22-09-2020 | Trend

Abu Dhabi allenta le restrizioni al consumo di alcol. I...

Indonesia, continua il blocco delle importazioni di spiriti e vini Ue

22-09-2020 | Estero

I vini e le bevande spiritose dell’Unione europea continuano ad...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.