Dall'estero

I 28 milioni di bevitori di vino della Gran Bretagna voterebbero per rimanere nell'UE con un margine compreso tra il 55% e il 45% se ci fosse un secondo referendum sulla Brexit, secondo una nuova ricerca pubblicata da Wine Intelligence. 

Nell'analisi UK Landscapes 2019, quasi 7 bevitori di vino mensili del Regno Unito su 10 ritengono che la Brexit farà aumentare i prezzi del vino (un 5% ottimista pensa che scenderanno). Mentre la maggioranza (65%) dei consumatori ritiene che rimarrà fedele alla propria bevanda preferita dell'UE dopo la Brexit, il 29% pensa che comprerà meno vino dell'UE, rispetto al 6% che afferma che ne comprerà di più. I risultati derivano da un sondaggio su campione di 1.000 persone, rappresentante dei bevitori di vino mensili del Regno Unito, condotto nell'ottobre 2019 in occasione dei dibattiti parlamentari sulla Brexit.

I giovani bevitori di vino hanno molte più probabilità di votare per restare nella Ue in un secondo referendum, con il target 18-34 anni che dichiara che voterebbe per rimanere con un margine di oltre 2 a 1, mentre gli over 65 sono più inclini lla seprazione.

Confrontando le intenzioni di voto ora con i voti del 2016, il cambiamento più grande negli atteggiamenti è arrivato dalle bevitrici di vino mensili femminili di 18-34 anni, che erano già fortemente orientate per restare nel 2016 (66% contro il 34% di 'lasciare' tra coloro che hanno votato). Più in generale, UK Landscapes 2019 riferisce che il mercato del vino nel Regno Unito è ancora in declino, con la spesa per bottiglia in aumento mentre il volume è in calo poiché i consumatori bevono vino meno frequentemente, per una combinazione di motivi di salute e stile di vita e a causa del passaggio ad altre categorie .
 
Commentando i risultati, Richard Halstead, COO di Wine Intelligence, ha dichiarato: "Vi è una crescente consapevolezza del fatto che lasciare l'UE aumenterà il costo della loro abitudine per il vino e probabilmente ridurrà le loro scelte. Questo sembra essere parte di una più ampia sensazione che Brexit significherà in generale meno soldi da spendere per uscire, e più del bilancio familiare dedicato a necessità come i costi delle abitazioni".

 

Nel Mercatino sotterraneo di Perugia

06-12-2019 | Itinerari

L’atmosfera del Natale avvolge tutto il territorio umbro. La città di...

Debutto ufficiale per il Milano Wine Club

05-12-2019 | Arte del bere

È stata presentata ieri all’Armani/Privé l’attività del Milano Wine Club...

Corte di Giustizia Ue sull'Aceto balsamico: per il Consorzio di Tutela la questione non è chiusa

05-12-2019 | News

Dopo il duro colpo arrivato ieri da parte della Corte...

Dazi Usa: possibile aumento dopo l'intervento del Wto contrario alla Ue

05-12-2019 | News

L’USTR – United States Trade Representative – ha annunciato l’intenzione...

Doc Gambellara: al via progetto triennale per la viticoltura sostenibile

04-12-2019 | News

Nel Consorzio Tutela Vini Gambellara è nato un progetto triennale dedicato alla viticoltura sostenibile. Il...

Aceto Balsamico di Modena, duro colpo dalla Corte di Giustizia europea

04-12-2019 | News

Duro colpo per l'Aceto Balsamico di Modena Igp. Secondo la...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection