Dall'estero

I 28 milioni di bevitori di vino della Gran Bretagna voterebbero per rimanere nell'UE con un margine compreso tra il 55% e il 45% se ci fosse un secondo referendum sulla Brexit, secondo una nuova ricerca pubblicata da Wine Intelligence. 

Nell'analisi UK Landscapes 2019, quasi 7 bevitori di vino mensili del Regno Unito su 10 ritengono che la Brexit farà aumentare i prezzi del vino (un 5% ottimista pensa che scenderanno). Mentre la maggioranza (65%) dei consumatori ritiene che rimarrà fedele alla propria bevanda preferita dell'UE dopo la Brexit, il 29% pensa che comprerà meno vino dell'UE, rispetto al 6% che afferma che ne comprerà di più. I risultati derivano da un sondaggio su campione di 1.000 persone, rappresentante dei bevitori di vino mensili del Regno Unito, condotto nell'ottobre 2019 in occasione dei dibattiti parlamentari sulla Brexit.

I giovani bevitori di vino hanno molte più probabilità di votare per restare nella Ue in un secondo referendum, con il target 18-34 anni che dichiara che voterebbe per rimanere con un margine di oltre 2 a 1, mentre gli over 65 sono più inclini lla seprazione.

Confrontando le intenzioni di voto ora con i voti del 2016, il cambiamento più grande negli atteggiamenti è arrivato dalle bevitrici di vino mensili femminili di 18-34 anni, che erano già fortemente orientate per restare nel 2016 (66% contro il 34% di 'lasciare' tra coloro che hanno votato). Più in generale, UK Landscapes 2019 riferisce che il mercato del vino nel Regno Unito è ancora in declino, con la spesa per bottiglia in aumento mentre il volume è in calo poiché i consumatori bevono vino meno frequentemente, per una combinazione di motivi di salute e stile di vita e a causa del passaggio ad altre categorie .
 
Commentando i risultati, Richard Halstead, COO di Wine Intelligence, ha dichiarato: "Vi è una crescente consapevolezza del fatto che lasciare l'UE aumenterà il costo della loro abitudine per il vino e probabilmente ridurrà le loro scelte. Questo sembra essere parte di una più ampia sensazione che Brexit significherà in generale meno soldi da spendere per uscire, e più del bilancio familiare dedicato a necessità come i costi delle abitazioni".

 

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection