Dall'estero

In Brasile il mercato del vino è in ripresa, dopo le sfide del 2016, grazie all'aumento del coinvolgimento dei consumatori, secondo l'ultimo rapporto Wine Intelligence Brazil Landscapes 2019.

Il rapporto, infatti, mostra una popolazione di consumatori regolari di vino in Brasile: 32 milioni di adulti bevono vino una volta al mese, di questi il 70% ne beve almeno una volta alla settimana. Un deciso incremento rispetto ai 29,7 milioni di adulti nel 2016 bevevano vino una volta al mese. Inoltre, il Brasile è ora il 26° mercato vinicolo più attraente del mondo, secondo il modello di Wine Intelligence Global Compass Wine Market Attractiveness, in cui il paese era anche il "riser più veloce" (risalendo di 12 posizioni: dal 38° al 26° posto tra i più attraenti) dal 2017.

La relazione rileva, inoltre, che i consumatori e la catena di approvvigionamento si sono adattati a condizioni fiscali ed economiche più severe. I consumatori, infatti, sono disposti a pagare di più per lo stesso vino. La spesa media per bottiglia è infatti aumentata in modo significativo per molte occasioni off-and-trade. Incoraggianti per gli investitori nella categoria del vino, i dati di rilevamento mostrano livelli crescenti di coinvolgimento dei consumatori nel vino, dimostrati da una percentuale crescente di intervistati che affermano di sentirsi "competenti" riguardo al vino, "desiderano prendersi del tempo per acquistare vino" e prendere in considerazione il vino è "importante" per il loro stile di vita (31% nel 2019 rispetto al 27% nel 2017).

Il coinvolgimento dei consumatori, in particolare tra le giovani generazioni, sarà fondamentale per promuovere un'ulteriore crescita in questo mercato ancora poco sviluppato. I giovani rappresentano il 20% della popolazione adulta e il 16% della popolazione regolare di bevitori di vino, e - caratteristica dei giovani consumatori a livello globale - mostrano il livello più basso di coinvolgimento nella categoria del vino rispetto ai bevitori più anziani. Allo stesso tempo, tuttavia, i bevitori più giovani hanno maggiori probabilità di consumare vino nel canale horeca, oltre a spendere più denaro per bottiglia. "Il Brasile - commenta Rodrigo Lanari, Country Intelligence Country Manager per il Brasile - ha dimostrato di essere un mercato stimolante e gratificante per coloro che sono consapevoli delle complessità del paese e che si impegnano a stabilirsi in questo mercato. Coinvolgere i nuovi consumatori sarà fondamentale per sostenere la crescita in futuro".

Il cocktail più amato al mondo? Il Negroni non scalza (ancora) l'Old fashioned

21-01-2020 | Arte del bere

Il re dei cocktail classici resta l'Old Fashioned, seguito a...

Frodi: chiarimento del legislatore per gli spumanti "su punta"

20-01-2020 | Normative

L’Ispettorato Repressione Frodi ha diffuso ulteriori chiarimenti, in ordine alla presentazione di...

Consumatori sempre più interessati al vino, ma poco conoscitori

20-01-2020 | Studi e Ricerche

Nonostante i livelli di conoscenza del vino siano in calo...

McDonald's rinnova l'accordo con l'Aceto Balsamico di Modena Igp

20-01-2020 | Trend

Dopo il successo del 2019, con 15 milioni di panini...

Anche il 2019 è stato un anno spumeggiante: bollicine cresciute del 4% a valore

20-01-2020 | News

Nel 2019 la produzione nazionale di vini spumeggianti è cresciuta...

Cabina di regia sul vino: al ministero prima riunione con la filiera

20-01-2020 | News

Primi passi per la cabina di regia sul vino, voluta...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection