L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Le varietà di vite – due esemplari per ogni singola antica cultivar – torneranno, a Palermo, in quella che era la ‘Vigna del Gallo’ dei Duchi di Archirafi, il luogo dove dal 1795 sorge l’Orto Botanico. Il progetto, battezzato ‘Vigna del Gallo’, è frutto della collaborazione tra l’Orto Botanico del Sistema museale dell’Università degli studi di Palermo e il Consorzio di tutela Vini Doc Sicilia. Il vigneto, seguendo le antiche tradizioni, sarà coltivato con i metodi dell’agricoltura biologica. L’orto Botanico di Palermo è una delle più importanti istituzioni accademiche italiane ed è considerato un enorme museo all’aperto. 

“Il progetto della ‘Vigna del Gallo’ si inserisce nelle attività che il Consorzio sta portando avanti nel valorizzare le varietà autoctone della Doc Sicilia”, spiega Maurizio Lunetta, direttore del Consorzio di tutela Vini Doc Sicilia. Aggiunge Antonio Rallo, presidente del Consorzio di Tutela Vini Doc Sicilia: “Far coesistere le diverse varietà siciliane di viti in un unico spazio dell’Orto Botanico di Palermo, che rappresenta una delle più importanti istituzioni accademiche italiane, è un’ulteriore testimonianza dell’importanza che attribuiamo alla conservazione della biodiversità”.
“Immaginare il ‘ritorno’ della vite in quella che fu la ‘Vigna del Gallo’ – precisa Paolo Inglese, direttore del Centro Servizi Sistema museale dell’Università di Palermo – significa lasciare un segno tangibile del passato del luogo, riconoscere e far conoscere una delle più importanti matrici di biodiversità del Mediterraneo come è quella della vite in Sicilia. Ed è un altro elemento di apertura del Sistema museale e in questo caso dell’Orto Botanico, alle più importanti realtà istituzionali ed economiche in Sicilia”. Le fasi del progetto verranno coordinate da Paolo Inglese, direttore del Centro Servizi Sistema museale dell’Università di Palermo, che ha sottoscritto un accordo di collaborazione scientifica con Maurizio Lunetta, direttore del Consorzio, e con il presidente Antonio Rallo; il progetto sarà seguito dal direttore dell’Orto Botanico, Rosario Schicchi, e dal curatore, Manlio Speciale.
Nello spazio destinato ad ospitare la ‘Vigna del Gallo’, le viti avranno una collocazione trasversale, in modo da renderle immediatamente visibili a chi si avvicinerà percorrendo il viale che costeggia la ‘Serra delle Succulente. Un pannello illustrerà, all’ingresso, il progetto della ‘Vigna del Gallo’ e renderà agevole l’identificazione dei vitigni. Nelle immediate vicinanze della ‘Vigna del Gallo’ resteranno, nei lati esterni della grande aiuola, un esemplare di Annona Cherimola Mill (una pianta da frutto tropicale) e alcuni cespi di canna da zucchero, altra antica coltivazione siciliana.

Cogressisti americani contro i dazi di Trump su vino e distillati Ue

08-08-2020 | News

Più di 160 membri del Congresso Usa hanno scritto al...

Finanziamenti agevolati: come presentare la domanda sul sito Sace Simest

07-08-2020 | Normative

Dal 6 agosto, è possibile presentare le domande sul portale...

BCG fotografa le economie alla prova della ripartenza: dove torna la fiducia dei consumatori

07-08-2020 | Studi e Ricerche

I consumatori italiani, avvicinandosi ai livelli pre-crisi e allineandosi a...

Parigi aumenta a 250 milioni gli aiuti alla distillazione

07-08-2020 | News

Il primo ministro francese Jean Castex ha promesso di aumentare...

I mercati del vino post Covid: l'analisi del Comitato Nazionale Vini Dop e Igp

07-08-2020 | Studi e Ricerche

 La crisi Covid è arrivata in un contesto di appesantimento...

Raggiungendo la verde riviera picena

07-08-2020 | Itinerari

Un percorso nella provincia di Ascoli Piceno prende avvio da Montefiore dell’Aso, con...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection