L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Domani sera, un minuto dopo la mezzanotte, si potrà stappare il Novello. Quest’anno - annuncia Coldiretti - saranno circa 2 milioni di bottiglie delle vendemmia 2018. Che potranno essere consumate con oltre due settimane di anticipo rispetto al concorrente Beaujolais nouveau francese (stappabile dal 15 novembre). 

Leggero e beverino il “vino da bere giovane” deve le sue caratteristiche al metodo di vinificazione, messo a punto dal ricercatore francese Flanzy e fondato sulla fermentazione carbonica di grappoli integri di uve che vengono poi spremute a distanza di una decina di giorni. Risultato: un vino delicato che non supera mai i 12 gradi e che va consumato entro sei mesi.

La produzione del vino novello in Italia è iniziata verso la metà degli anni ’70. Si seguiva l’esempio dei vignaioli francesi della zona di produzione del Beaoujolais che, per superare una stasi di mercato, misero in vendita il Beaoujolais nouveau, per rivalorizzare il loro vino prodotto con uve Gamay meno pregiate di quelle della Borgogna meridionale. 

In Italia all’inizio il vino novello ha beneficiato di un piccolo boom, toccando il picco di 17 milioni di bottiglie dieci anni fa, per poi scendere progressivamente sino ai circa 2 milioni attuali.

Bellanova firma il decreto sui contrassegni per i vini a denominazione

28-02-2020 | News

Lungamente atteso, arriva il provvedimento sui contrassegni per i vini...

Praga vuole ridurre la pubblicità degli spiriti

28-02-2020 | Estero

Il ministro ceco della Salute ha espresso l’intenzione di ridurre...

Australia e Nuova Zelanda: in etichetta allerta su consumo in gravidanza

28-02-2020 | Normative

I principali organi di rappresentanza dell’industria hanno espresso forti critiche...

Strategia "Farm to Fork": non solo appelli, ci saranno norme Ue per ridurre l'uso di pesticidi

28-02-2020 | News

La strategia Farm to Fork per il cibo sostenibile è...

Non solo sci. Pausa golosa a La Thuile

28-02-2020 | Itinerari

Lì, lungo la strada che porta al colle Piccolo San...

Wine Trade Monitor 2019: Francia, Italia e Spagna rimangono in testa

27-02-2020 | Studi e Ricerche

“Oltre ad essere riconosciuto come uno dei paesi con maggiore...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection