L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Domani sera, un minuto dopo la mezzanotte, si potrà stappare il Novello. Quest’anno - annuncia Coldiretti - saranno circa 2 milioni di bottiglie delle vendemmia 2018. Che potranno essere consumate con oltre due settimane di anticipo rispetto al concorrente Beaujolais nouveau francese (stappabile dal 15 novembre). 

Leggero e beverino il “vino da bere giovane” deve le sue caratteristiche al metodo di vinificazione, messo a punto dal ricercatore francese Flanzy e fondato sulla fermentazione carbonica di grappoli integri di uve che vengono poi spremute a distanza di una decina di giorni. Risultato: un vino delicato che non supera mai i 12 gradi e che va consumato entro sei mesi.

La produzione del vino novello in Italia è iniziata verso la metà degli anni ’70. Si seguiva l’esempio dei vignaioli francesi della zona di produzione del Beaoujolais che, per superare una stasi di mercato, misero in vendita il Beaoujolais nouveau, per rivalorizzare il loro vino prodotto con uve Gamay meno pregiate di quelle della Borgogna meridionale. 

In Italia all’inizio il vino novello ha beneficiato di un piccolo boom, toccando il picco di 17 milioni di bottiglie dieci anni fa, per poi scendere progressivamente sino ai circa 2 milioni attuali.

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection