L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Il fondo Made in Italy Fund ha acquisito la maggioranza di di Xtrawine, piattaforma specializzata nella vendita e nella distribuzione di vini online, fondata nel 2009 a Forlì e che distribuisce oggi oltre 8.000 etichette di vino, italiano e internazionale. Il management attuale continuerà a gestire l’azienda che nel 2020 ha segnato una crescita del 100% con un fatturato di 10,8 milioni di euro, di cui oltre la metà generato all’estero, in particolare a Hong Kong, Regno Unito, Germania e Francia. Nell’anno, l’ebitda è stato di 0,5 milioni di euro.

L’operazione, si legge in una nota, è volta a promuovere e rafforzare il posizionamento di Xtrawine, sostenendo lo sviluppo del business a livello internazionale. In quest’ottica, sono quindi previste aperture commerciali anche in Svizzera e nel Regno Unito. Tra le leve per lo sviluppo vi è anche la volontà di continuare a investire in tecnologia, rafforzando la piattaforma web.

Il canale digitale è sempre più rilevante nelle vendite enologiche. Tannico, Vino.com, Bernabei, CallmeWine ed Xtrawine sono i primi cinque player specializzati nell’e-commerce del vino e, messi assieme, nel 2020 hanno incassato oltre 118 milioni di euro, con un balzo del 120% sull’anno precedente. Lo evidenzia un dossier dedicato al decollo delle vendite online a seguito della pandemia pubblicato su Pambianco Magazine Wine&Food.

La classifica vede in testa Tannico con 37,5 milioni, seguito da Vino.com con 30 milioni e Bernabei a quota 26 milioni. Il quarto posto è occupato da CallmeWine a 12,7 milioni e infine Xtrawine con 12,5, dato che include le vendite della filiale di Hong Kong. La crescita più rilevante riguarda Vino.com, che in un anno ha triplicato il fatturato.

Il 2020 - ricorda Pambianco - ha visto inoltre l’e-commerce come protagonista di alcune operazioni di investimento. Le due più significative hanno riguardato Tannico, con l'ingresso nel capitale di Campari, che ne ha acquisito il 49%, e CallmeWine acquisita al 60% da Italmobiliare. In entrambi i casi, l’investitore ha mantenuto al comando il fondatore.

La prossima operazione potrebbe riguardare Bernabei che ha già anticipato la volontà di aprire il capitale.

Prosecco Doc, oltre 627 milioni di bottiglie e più valore

13-01-2022 | Trend

Le aziende appartenenti al Consorzio di tutela del Prosecco Doc...

Ristorazione in affanno: “Il Governo ci faccia rientrare nel decreto sostegni”

13-01-2022 | News

L’improvvisa ripresa dei contagi che ha compromesso il mese più...

Vini più costosi al mondo: Borgogna mantiene il primato

12-01-2022 | Arte del bere

Il 2021 per il mercato delle aste dei vini pregiati...

Mipaaf, presentato il Piano Strategico Nazionale della nuova Pac

11-01-2022 | News

Una strategia unitaria, che si avvale di diversi strumenti a...

Nuovo sito per l'Organizzazione internazionale di metrologia legale

11-01-2022 | Arte del bere

L'Organizzazione internazionale di metrologia legale (Oiml) lo scorso 9 gennaio 2022...

Il Quebec (Canada) estende il passaporto vaccinale anche all'acquisto di alcol

11-01-2022 | Estero

Il ministro della salute del Quebec ha annunciato che, a...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.