L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Il fondo Made in Italy Fund ha acquisito la maggioranza di di Xtrawine, piattaforma specializzata nella vendita e nella distribuzione di vini online, fondata nel 2009 a Forlì e che distribuisce oggi oltre 8.000 etichette di vino, italiano e internazionale. Il management attuale continuerà a gestire l’azienda che nel 2020 ha segnato una crescita del 100% con un fatturato di 10,8 milioni di euro, di cui oltre la metà generato all’estero, in particolare a Hong Kong, Regno Unito, Germania e Francia. Nell’anno, l’ebitda è stato di 0,5 milioni di euro.

L’operazione, si legge in una nota, è volta a promuovere e rafforzare il posizionamento di Xtrawine, sostenendo lo sviluppo del business a livello internazionale. In quest’ottica, sono quindi previste aperture commerciali anche in Svizzera e nel Regno Unito. Tra le leve per lo sviluppo vi è anche la volontà di continuare a investire in tecnologia, rafforzando la piattaforma web.

Il canale digitale è sempre più rilevante nelle vendite enologiche. Tannico, Vino.com, Bernabei, CallmeWine ed Xtrawine sono i primi cinque player specializzati nell’e-commerce del vino e, messi assieme, nel 2020 hanno incassato oltre 118 milioni di euro, con un balzo del 120% sull’anno precedente. Lo evidenzia un dossier dedicato al decollo delle vendite online a seguito della pandemia pubblicato su Pambianco Magazine Wine&Food.

La classifica vede in testa Tannico con 37,5 milioni, seguito da Vino.com con 30 milioni e Bernabei a quota 26 milioni. Il quarto posto è occupato da CallmeWine a 12,7 milioni e infine Xtrawine con 12,5, dato che include le vendite della filiale di Hong Kong. La crescita più rilevante riguarda Vino.com, che in un anno ha triplicato il fatturato.

Il 2020 - ricorda Pambianco - ha visto inoltre l’e-commerce come protagonista di alcune operazioni di investimento. Le due più significative hanno riguardato Tannico, con l'ingresso nel capitale di Campari, che ne ha acquisito il 49%, e CallmeWine acquisita al 60% da Italmobiliare. In entrambi i casi, l’investitore ha mantenuto al comando il fondatore.

La prossima operazione potrebbe riguardare Bernabei che ha già anticipato la volontà di aprire il capitale.

Il Governo italiano attiva la procedura d'infrazione contro la Slovenia

08-08-2022 | News

Il Governo Italiano ha attivato la procedura d’infrazione ex art...

Teatro con cena ispirata all’antica Grecia nella Valle dei Templi

04-08-2022 | Itinerari

Continua anche quest'anno a Le Stoai, nella Valle dei Templi, il Simposio...

Vademecum vendemmiale Icqrf per la campagna vitivinicola 2022-2023

02-08-2022 | Normative

In occasione della campagna vitivinicola 2022-2023 è stato pubblicato sul...

Volo in ritardo o cancellato? A Londra c’è il vino di “supporto emotivo”

02-08-2022 | Arte del bere

Sebbene non possa compensare del tutto lo stress di un...

Regno Unito: progetti pilota sulle frontiere per eliminare possibili ripercussioni da Brexit

02-08-2022 | Estero

Il 13 luglio 2022 il ministro britannico per le Opportunità...

La crisi sui dazi cinesi fa crollare le esportazioni di vino australiano di 2,08 miliardi di dollari

02-08-2022 | News

Secondo l'ultimo rapporto sulle esportazioni di Wine Australia, il valore...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.