L'arte del bere

Un panorama a 360° all'insegna del gusto e dello stile mediterraneo

Dei 384 operativi in giro per il mondo non uno è italiano. Nonostante i numeri del vino made in Italy. Grande potenza sui mercati internazionali ma senza neanche un Master of Wine per comunicare in manera "certificata" l'eccellenza enoica italiana. Certo, come molti sottolineano, si tratta di professionalità molto legate al mondo anglosassone ma ormai nessuno nega la loro popolarità e il loro peso nel mondo internazionale del vino. Qualche connazionale sta tentando l’impervia strada dei Master of Wine ma per il momento ancora nessuno è riuscito a raggiungere la meta. Sarà per la lingua (tutto si deve svolgere in un inglese impeccabile) o per i costi (tra viaggi, corsi ecc decisamente non alla portata di tutti) ma tant’è.

La famiglia Cecchi, prestigiosi produttori in Chianti, ha quindi preso l'iniziativa di sostenere con una borsa di studio uno degli aspiranti MW italiani.

Si tratta di Gabriele Gorelli, toscano. Ma la scelta non è caduta su di lui per vicinanza geografica: i Cecchi hanno lanciato un contest per identificare la persona giusta. L’unico, comprensibile, requisito richiesto oltre a una adeguata conoscenza generale era una solida competenza sui vini del Chianti e Chianti Classico. “Lo standard dei candidati era sorprendentemente alto – ha detto Andrea Cecchi – e ognuno di loro ha portato una prospettiva interessante sulla comunicazione dei vini dell’area”.

Gorelli riceverà quindi 1.500 sterline per sostenere le spese del secondo anno di studi. Per ottenere il diploma bisogna superare tre corsi e redarre una tesi finale su un tema collegato al vino all’interno di un contesto più vasto a scelta (scienze, arte, scienze sociali e umane). In bocca al lupo a Gabriele.

Wine and the White House: un libro sui vini dei presidenti

17-01-2020 | Arte del bere

Donald Trump se ne fa un vanto: “non ho mai...

Dove nasce il Torcolato

17-01-2020 | Itinerari

Domenica 19 gennaio 2020 a partire dalle 14.30 la Doc Breganze celebrerà nella piazza principale...

Dazi Usa: 117 membri del Congresso americano chiedono di non colpire il vino

16-01-2020 | News

Il Gruppo americano Congressional Wine Caucus (membri del Congresso americano legati al...

La nuova architettura del sostegno pubblico all'export

15-01-2020 | News

A seguito del riordino delle competenze tra Ministero per gli...

Calano i consumatori abituali di vino in Usa. Lo studio di Wine Intelligence

14-01-2020 | Studi e Ricerche

La popolazione di bevitori abituali di vino negli Stati Uniti...

Asia, Nuova Zelanda e Cile: le opportunità formative per le giovani Donne del Vino

14-01-2020 | Arte del bere

Dai mercati dell’Asia alle vigne della Nuova Zelanda e del...

© 2020 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection