Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

L’Happy Hour Day, la giornata che celebra a livello internazionale un rito molto amato dagli italiani, cadrà anche quest'anno il 12 dicembre. Negli Stati Uniti, Paese in cui è nato, ma non solo. Se infatti quella dell’ora felice è un’abitudine che arriva direttamente da Oltreoceano, l’italianissimo aperitivo, per esempio, è la tradizione che più si avvicina a quella di lunga data dell’Happy Hour.

Le prime menzioni del termine, di fine Ottocento, riguardano il cosiddetto Happy Hour Social Club, che organizzava ricchi banchetti in occasione delle feste. L’Happy Hour diventa poi uno strumento di propaganda per il movimento femminista, che rivendicava, tra i diritti fondamentali per le donne, anche la possibilità di entrare nei saloon. Da lì, l’usanza si trasferisce, negli anni ‘20 del Novecento, a bordo delle navi della Marina Militare degli Stati Uniti, rappresentando un momento di svago per marinai e ufficiali.

La locuzione è stata in seguito adoperata durante il proibizionismo per indicare il momento della giornata durante il quale le persone, prima della cena, andavano a consumare bevande alcoliche negli iconici speakeasy. Dagli Anni ’60 fino a oggi, l’Happy Hour si è affermato come un vero e proprio rito di convivialità, dentro e fuori casa. 

Secondo un report riportato da Beverage Daily per un americano su quattro l'home bartending è diventato un trend mondiale, soprattutto dopo la pandemia, col 45% degli intervistati che ha riferito di consumare prodotti premium a casa, rispetto a bar e ristoranti (34%).

A causa della permanenza forzata nelle proprie abitazioni durante il periodo pandemico, in molti si sono infatti improvvisati barman per continuare a gustare i propri cocktail preferiti, mitigando la nostalgia del bancone. Si è diffusa sempre di più la consuetudine di consumare un “aperitivo” prima di sedersi a tavola, tanto che un intervistato su tre ha dichiarato addirittura di voler allestire un home bar, una strategia che, tra le altre cose, consente al 33% dei millennial di combattere l’inflazione del settore.

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.