Trend

Arte, architettura, design, interni, consigli culinari, tendenze, moda e comunicazione. Tutto all'insegna del buon gusto.

L'aumento della domanda di vino inglese e gallese ha spinto i produttori britannici ad aumentare la superficie totale coltivata a vite del 74% negli ultimi cinque anni. Secondo un nuovo rapporto dell'associazione di categoria WineGB, i vigneti sparsi in Gran Bretagna sono 943, per un totale di 3.928 ettari coltivati a vite.

L'Inghilterra ha 3.855 ettari coltivati a vite, 70,3 ettari il Galles e 1,9 ettari la Scozia. Secondo quanto riporta il sito Decanter, il settore ha prodotto 12,2 milioni di bottiglie nel 2022, con un aumento del 130% rispetto ai 5,3 milioni di bottiglie prodotte nel 2017. Lo spumante rappresenta il 68% della produzione, una cifra che è rimasta piuttosto costante negli ultimi cinque anni.

Secondo i dati ufficiali del governo, la viticoltura è oggi il settore agricolo in più rapida crescita nel Regno Unito. Impiega 2.300 persone a tempo pieno, mentre altre 8.300 sono impiegate in lavori part-time o stagionali.

WineGB ha intervistato i suoi associati su come si svilupperà il prossimo decennio e ha ricevuto risposte da aziende che rappresentano oltre il 90% della produzione del Paese. Gli intervistati hanno previsto che la superficie totale coltivata a vite in Gran Bretagna aumenterà fino a 7.600 ettari entro il 2032. Prevedono inoltre che la produzione raggiungerà i 25-29 milioni di bottiglie all'anno entro quella data.

Sam Linter, presidente di WineGB, ha dichiarato: "Sono tempi davvero entusiasmanti per il vino inglese e gallese. Siamo diventati una regione vinicola di fama internazionale e di altissima qualità".

Il Kent ha 1.033 ettari coltivati a vite, il 26% degli impianti totali del Paese. Il West Sussex e l'East Sussex contano rispettivamente 570ha e 493ha, mentre il vigneto totale dell'Hampshire è salito a 380ha. Anche l'Essex ha 325ha coltivati a vite.

Lo Chardonnay è la varietà più diffusa. Rappresenta il 31% degli impianti totali, seguito da Pinot Noir (29%), Pinot Meunier (9%), Bacchus (8%) e Seyval (3%). Il canale di vendita più importante è il commercio al dettaglio - supermercati e negozi indipendenti - che rappresenta il 41% delle vendite, seguito dal canale diretto al consumatore (30%), da bar e ristoranti (22%) e dalle esportazioni (7%). Durante la pandemia il canale diretto al consumatore ha rappresentato il 57% di tutte le vendite di vino inglese e spumante. Tuttavia, ora è sceso al 30%.  

WineGB prevede una crescita in tutte le categorie in futuro: "I consumatori chiedono più prodotti locali e rispettosi dell'ambiente, cosa che i vini inglesi e gallesi sono in una posizione unica per offrire", ha dichiarato il CEO ad interim Ned Awty. 

Anche il turismo è aumentato dopo la pandemia: nel 2022 il numero di visitatori delle aziende vinicole britanniche è cresciuto del 17% rispetto all'anno precedente. Secondo l'indagine di WineGB, il turismo rappresenta ora il 24% delle entrate del settore.

Foto Unsplash

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.