Studi e Ricerche

Le donne sono più propense degli uomini ad acquistare vini etici e sostenibili, e vini fatti da piccoli produttori, ma mancano di fiducia nella loro conoscenza del vino, nonostante conoscano tanto il vino, in media, quanto i loro pari maschi. L'ultimo rapporto di Wine Intelligence, "Consumo di vino e Genere: avvicina il vino a donne e uomini in modo diverso?", ha indagato 11 ipotesi sulla differenza di genere nel consumo e nell'atteggiamento verso il vino in sei mercati chiave: Australia, Canada, Cina, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti. In questi sei mercati messi insieme, ci sono circa 230 milioni di bevitori di vino, suddivisi quasi esattamente al 50% tra uomini e donne.

Il rapporto, pubblicato in collaborazione con Women of the Vine & Spirits, la principale organizzazione mondiale dedicata al progresso e all'empowerment delle donne nel settore delle bevande alcoliche, prende in considerazione anche uomini e donne con lo stesso livello di conoscenza del vino, che si riflette in quasi uguale numero di regioni vinicole e marchi conosciuti da entrambi i sessi. Tuttavia, gli uomini sono molto più sicuri delle loro conoscenze sul vino rispetto alle donne. Una percentuale significativamente più alta di uomini dichiara infatti di essere "sempre o principalmente la persona che ordina il vino quando si mangia in un ristorante".

Viene inoltre rivelato che i vini sostenibili ed etici hanno maggiori opportunità tra le donne. In un contesto globale, un numero significativamente maggiore di donne prenderebbe in considerazione l'acquisto di vino biologico, vino prodotto in modo sostenibile e vino Fairtrade rispetto agli uomini. Il divario maggiore si osserva in Svezia, dove il 69% delle donne afferma che è probabile o molto probabile acquistare vino biologico, mentre solo il 52% degli uomini prenderebbe in considerazione l'acquisto. L'intento di acquisto per i vini prodotti in modo sostenibile e Fairtrade rispecchia quello del vino biologico, con più donne aperte all'acquisto di questi vini rispetto agli uomini.

Wine Intelligence ha anche studiato se ogni genere preferisce i vini prodotti da produttori di vino del proprio genere. Le prove suggeriscono che le donne hanno maggiori probabilità di acquistare vini prodotti da viticoltori donne quando questo fatto viene loro indicato in modo esplicito. Il semplice fatto di mettere il nome dell'enologo femminile sull'etichetta frontale non crea però lo stesso fascino.

Commentando il rapporto, Lulie Halstead, ceo di Wine Intelligence, ha dichiarato: "Sono state scritte molte cose sulle presunte differenze tra uomini e donne su come pensano, agiscono e interagiscono tra loro, e con esso una serie di teorie affascinanti e per lo più aneddotiche sul comportamento del vino legato al genere. In questo rapporto abbiamo preso alcune delle ipotesi più comunemente utilizzate e abbiamo usato i nostri set di dati comportamentali e attitudinali dei consumatori internazionali, oltre ad alcuni esperimenti di ricerca specificatamente progettati, per verificare se esistono prove a supporto o smentite. È stato meraviglioso lavorare con Women of the Vine & Spirts per pubblicare questo rapporto che esplora il rapporto tra genere e vino ".

Deborah Brenner, fondatrice e CEO di Women of the Vine & Spirits, aggiunge: "In un'epoca in cui il ruolo del genere viene prima di tutto, uno studio indipendente statisticamente affidabile e valido è essenziale per il nostro settore e l'innovazione. Siamo state particolarmente incuriosite dalla scoperta che le donne hanno maggiori probabilità di acquistare vino se sono consapevoli che l'enologo è una donna, poiché stiamo per lanciare il nostro "Programma di proprietà e certificazione femminile" incentrato sulle donne dietro i marchi e la diversità dei fornitori".

 

Altro in questa categoria: « Osservatorio 23-06-1999 Assemblea 2010 »

Addio a Lapo Mazzei, protagonista del Chianti Classico

22-08-2019 | News

All’età di 94 anni si è spento, nella sua tenuta...

L'assenzio di Pontarlier ottiene l'indicazione geografica

21-08-2019 | Arte del bere

L'assenzio di Pontarlier ha ottenuto l'etichetta di indicazione geografica per...

Complessità, acidità e tannini: in Uk la bevanda analcolica con 20 botaniche per accompagnare cibi gourmet

21-08-2019 | Trend

La britannica Nine Elms ha lanciato No.18, una bevanda senza alcool...

In Usa nasce Spirits United, piattaforma online per migliorare e promuovere l'industria delle bevande alcoliche

21-08-2019 | Estero

Il Distilled Spirits Council ha lanciato Spirits United, una piattaforma...

Aumento dell'Iva: cosa rischiano le aziende del vino

20-08-2019 | News

Uno degli elementi in discussione, durante queste giornate di crisi...

Il Cognac celebra il quinto anno consecutivo in crescita

19-08-2019 | Trend

Le esportazioni di cognac sono aumentate per il quinto anno...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection