News

Continua la fase di contrazione delle importazioni americane di vini da tavola (vini fermi) che, nei primi primi nove mesi, sono diminuite di oltre mezzo milione di ettolitri, secondo quanto reso oggi noto dall’Italian Wine & Food Institute.

Oltre alle importazioni complessive USA, scese del 7,9%, hanno perso terreno ben cinque dei sette principali paesi fornitori del mercato americano: Italia -3,3%, Australia -18,5%,  Cile -12,4%,  Argentina -14,7% e Spagna -17%, paesi che complessivamente forniscono il 68,3% del totale delle importazioni vinicole americane.

Unica eccezione, in questo quadro abbastanza negativo, la Francia che continua la scalata ai vertici della classifica e che ha fatto registrare un salutare aumento in controcorrente del +9,5% seguita dal più modesto +3% della Nuova Zelanda.

Fatta eccezione per la Francia - che abbina, al consistente aumento in quantità, un ancora più rilevante aumento del +19,7% in valore - risultano di limitata rilevanza i modesti incrementi in valore, dovuti ad aumenti di prezzi o a variazioni di cambio, degli altri sopraddetti paesi fornitori: +4,1% dell’Italia,         +3,8% della Nuova Zelanda e +1,4% della Spagna.

In questo mercato, che sta affrontando una fase di recessione, emergono tuttavia alcuni elementi di notevole interesse come il diffuso espandersi dei vini Rosé. I quattro principali paesi esportatori verso il mercato USA (Italia, Francia, Australia e Cile) hanno fatto tutti registrare notevoli incrementi nelle esportazioni di vini Rosé, complessivamente passati da 341.230 ettolitri, per un valore di $204.725.000,  dei primi nove mesi del 2017 a 436.530 ettolitri, per un valore di $ 289.681.000, dell’anno in corso con un aumento del +30% in quantità e del +41,5 in valore. Al contempo gli stessi paesi hanno fatto registrare delle contrazioni nelle esportazioni di vini rossi complessivamente ridottisi in quantità del -5,6%.

Nella tabella, predisposta dall’Italian Wine & Food Institute sulla base dei dati dell’US Department of Commerce, fornisce un accurato e completo quadro della situazione, per quanto specificatamente concerne le importazioni dei vini da tavola (vini fermi).

Francia all'inseguimento

Italia- Francia in Usa

La costante complessiva contrazione delle importazioni vinicole americane, incluse quelle dall’Italia, che da diversi mesi ormai segna il passo, crea un certo allarme secondo Lucio Caputo, presidente dell''Italian Wine & Food Institute, che da tempo sottolinea i rischi e le conseguenze che potranno derivare da una tale non adeguatamente contrastata tendenza negativa.

Dopo un lungo periodo di pressoché costante crescita l’Italia è infatti entrata in una fase di rallentamento che negli ultimi mesi ha praticamente bloccato la lunga precedente fase di espansione delle esportazioni italiane (con una riduzione di ben 6.344.000 litri di vini italiani nei primi nove mesi dell’anno). 

Particolarmente pericolosa, secondo Caputo, la rimonta dei vini francesi che, notevolmente distanziati negli anni passati, stanno compiendo una incredibile scalata nella classifica dei paesi fornitori del mercato USA e si apprestano a superare l’Italia ponendo fine a decenni di supremazia italiana con tutte le conseguenze sul piano dell’immagine e commerciale che ne deriveranno.

Purtroppo da parte italiana, nonostante i notevoli fondi pubblici stanziati per la promozione del vino italiano sul mercato statunitense, non si è riusciti a varare una campagna promozionale che permettesse di dare la necessaria svolta al mercato.

       

Esaminando in dettaglio i dati dei primi nove mesi dell'anno in corso, le importazioni statunitensi, secondo la nota dell'IWFI, sono ammontate a 6.496.970 ettolitri, per un valore di $3.308.015.000 contro i 7.054.620 ettolitri, per un valore di $3.148.554.000 dei primi nove mesi del 2017.

Sempre nei primi nove mesi dell'anno in corso, le importazioni dall’Italia sono ammontate a 1.849.780 ettolitri, per un valore di $1.037.931.000, contro i 1.913.220 ettolitri, per un valore di $996.625.000, dei primi nove mesi del 2017.  Nello stesso periodo la quota del mercato di importazione dei vini italiani è scesa al 28,4% in quantità ed al 31,3% in valore contro il 29,2% in quantità ed il 33,7% in valore dell’anno precedente.

Le importazioni dalla Francia - secondo paese fornitore del mercato statunitense in quantità e in valore - sono ammontate, sempre nello stesso periodo, a 1.037.550 ettolitri, per un valore di $981.947.000, contro i 947.500 ettolitri, per un valore di $819.836.000, dell’anno precedente.

Sempre secondo la nota dell’Italian Wine & Food Institute, le importazioni dall’Australia - terzo paese fornitore del mercato statunitense in quantità ed in valore - sono risultate, sempre nel periodo in esame, pari a 1.025.550 ettolitri, per un valore di 216.843.000, contro i 1.258.940 ettolitri, per un valore di $258.046.000, del 2017.

La nota dell’Italian Wine & Food Institute mette poi in risalto la sempre positiva situazione delle esportazioni di spumanti italiani e del Moscato che ne costituisce la parte principale. Nei primi nove mesi dell'anno in corso tali esportazioni sono ammontate a 550.980 ettolitri, per un valore di $315.906.000, contro i 478.760 ettolitri, per un valore di  $257.676.000, del corrispondente periodo del 2017, con un incremento del +15,1% in quantità e del +22,6% in valore. Da sottolineare che nello stesso periodo del 2016 rispetto al 2015 gli incrementi erano stati rispettivamente del +22,5% e del +30,2%.

Italia sugli scudi nelle quotazioni dei fine wine - I dati di Liv-ex

12-10-2019 | News

Vini italiani di prestigio sempre più riconosciuti nel mercato delle...

A Hong Kong lo speakeasy riservato alle donne

12-10-2019 | Estero

Un bar segreto, aperto solo alle donne. Il nuovo speakeasy...

Albiera Antinori è la nuova presidente del Consorzio Bolgheri Doc

11-10-2019 | News

L’assemblea dei Soci del Consorzio per la Tutela dei vini DOC...

Nella terra della biodiversità per celebrare il frutto del meleto biologico Melise nato da terreni incolti

11-10-2019 | Itinerari

I migliori produttori biologici e naturali del Molise e dell'Abruzzo...

Dazi Usa: possibili perdite fino al 35% per l'export di liquori italiani

10-10-2019 | News

Dopo la pubblicazione sul Federal Register della lista di prodotti...

Enoturismo, e-bike, arte tra i filari: nasce la Guida alle Cantine del Piemonte

10-10-2019 | Itinerari

Una guida per raccontare il vino attraverso l’accoglienza. È stata...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection