News

Ad appena un mese dall'avvio la campagna istituzionale di promozione del vino italiano ha raggiunto già numeri ragguardevoli: sono quasi 78 milioni i punti di contatto raggiunti in Cina. Di questi 44,6 milioni sono stati raggiunti in multichannel  dal piano, ulteriori 33 milioni sono stati i viewer che avevano seguito l'evento di lancio a Pechino il 6 settembre scorso. L'obiettivo, comunque, è di raggiungere in un anno almeno 230 milioni di millennials e wine lovers cinesi per fargli preferire il vino italiano ad altri vini importati. Tenendo ben presente quel che aiuta a vendere il vino in Cina.
 
Il piano, concepito da ICE Agenzia, Federvini, UIV, Federdoc  e finanziato a valere sul Programma Promozionale del MISE, Ministero per lo Sviluppo Economico, fa leva sul concept "Italian wine: taste the passion",  il cui video  è stato appositamente adattato, integrato e tradotto in codici "China friendly". La campagna, della durata di almeno un anno, mira a sostenere la diffusione della consapevolezza presso il consumatore cinese che l'Italia è il primo paese produttore al mondo di vino e quello con la più grande varietà, aiutando una più immediata associazione tra gli assets del Made in Italy e del suo lifestyle, già molto noti e riconoscibili per il consumatore cinese (qualità, bellezza, creatività, unicità, sicurezza e sostenibilità), con il vino italiano. 
 
La campagna media si associa, in amplificazione, alle altre azioni messe in campo da MISE ed ICE, con un approccio di marketing multilevel: 
- la formazione:  sono già stati diplomati oltre 500 esperti cinesi di vino italiano in 14 città della Cina 
- la comunicazione: in pre-heating erano stati già raggiunti oltre 80 milioni di contatti cinesi con gli eventi I love ITAlian wines 
- la promozione vendite:  sono stati realizzati accordi con primaria catena cinese Cofco per promozione in 150 stores fisici di Cina per un anno e sulle relative piattaforme ecommerce sia su Tmall che su JD.com; promozioni con le principali catene di supermercati a Pechino, Shanghai, Canton, Chengdu; il primo round del Vinitaly China Roadshow  (in 3 città a giugno 2018) con seconda edizione già prevista in altre 4 città nel primo semestre 2019.
 
E gli effetti di tale possente piano di promozione non tardano a farsi sentire: in un mercato che sta dando i primi segni di rallentamento generale della domanda, anche per effetto delle guerre commerciali in corso, nel primo semestre 2018 l'Italia del vino è il fornitore europeo che in valore cresce di più (+14,75% in US$, dati Eurostat; la Francia segna +0,24%; la Spagna -5,56%), consolidando così la quarta posizione tra i fornitori. Secondo i dati delle dogane cinesi (fermi però al primo trimestre 2018) il segno positivo arriva al +63%.
 
Scarica qui i dati statistici Eurostat primo semestre in dollari e i risultati media plan mese di settembre.
 

Biologico: slitta a giugno la presentazione del PAP

16-05-2022 | Normative

Biologico: slitta a giugno la presentazione del PAP. Con decreto n. 216472...

World Cocktail Day, nasce la drinklist che celebra gli ultimi 100 anni di storia del cinema

13-05-2022 | Trend

Far percorrere ai propri ospiti un viaggio mai intrapreso prima all’insegna...

Addio ad Adriano Grosoli, padre nobile del Balsamico

12-05-2022 | News

Scomparso a 93 anni Adriano Grosoli, l’unico rimasto in vita...

Brexit, il Defra conferma le norme di etichettatura delle bevande spiritose

12-05-2022 | Estero

Il 6 maggio 2022 il Dipartimento per l'ambiente, l'alimentazione e...

Nasce l’Aceto di Mela Annurca Campana

12-05-2022 | Trend

Nasce un aceto di mele di forte identità territoriale. È...

Asolo Prosecco, +33,4% nei primi quattro mesi del 2022

12-05-2022 | Arte del bere

L’Asolo Prosecco ha chiuso il primo quadrimestre 2022 con un ulteriore balzo in...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.