News

Oggi il vice premier Matteo Salvini sarà in Russia per partecipare all'assemblea della Confindustria locale. Ribadirà la sua volontà di accelerare la rimozione delle sanzioni a Mosca. Ernesto Ferlenghi, presidente di Confindustria Russia, ha detto al quotidiano Izvestia che "dall'introduzione delle sanzioni le esportazioni italiane in Russia, che nel 2014 avevano raggiunto i 14,5 miliardi di euro, sono diminuite di un terzo. Nei primi tre anni il calo generale è stato del 45%". In sostanza "gli esporatori italiani - ha detto - hanno perso 7 milioni di euro al giorno". 

La prossima settimana sarà la volta del presidente del Consiglio Giuseppe Conte in visita a Mosca. E il tema delle sanzioni, in vigore nel 2014, sarà nuovamente sul tappeto. Misure che hanno creato “un danno complessivo al settore agroalimentare italiano” ha lamentato anche il presidente di Federalimentare Luigi  Scordamaglia, secondo il quale si aggiunge l’effetto indesiderato di “uno stimolo alla nascita di prodotti Italian sounding". “Non è un segreto che le migliaia di ristoranti italiani operanti in quel Paese aumentano sempre più la domanda di ingredienti made in Italy e in assenza di quelli veri scelgono di sostituirli con prodotti che sembrano italiani ma che non lo sono”. 

Le sanzioni, come si sa, non riguardano vino e spiriti, ma indirettamente possono avere qualche effetto. “Il mercato russo è di grande interesse per i settori rappresentati dalla Federazione - spiega il direttore generale Federvini Ottavio Cagiano de Azevedo - e le cifre delle tabelle lo dimostrano ampiamente. Anche se i nostri prodotti non sono mai stati parte di specifiche misure restrittive, tuttavia l’andamento altalenante di questi anni dimostra come vi siano stati dei riverberi anche sulle correnti del nostro export: a questo si aggiungano le complessità del sistema delle licenze, il cambio integrale della normativa sui vini e sugli spiriti, le asperità delle misure fiscali e doganali, le difficoltà di dialogo fra i sistemi bancari che in alcuni momenti hanno, non poco, influito sulla fluidità del business, rappresentando la parte più macroscopica delle complessità che gli operatori continuano ad incontrare”.

image003

Schermata 2018 10 16 alle 19.06.14

Schermata 2018 10 16 alle 19.06.27

Guardando alle statistiche, partendo dal 2012 ovvero due anni prima delle misure restrittive che non hanno coinvolto direttamente le bevande alcoliche, continua Cagiano de Azevedo “notiamo, ad esempio per i vini, un andamento in crescita nei valori dal 2012 al 2013 per poi registrare un flessione dal 2014 al 2016 e nuovamente un rialzo nel 2017. Un trend simile lo rileviamo anche nelle quantità. Le bevande spiritose seguono, anche se con diversi valori e volumi, una tendenza in linea. Non possiamo che augurare una maggiore distensione a livello commerciale”.

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.