News

In pochi anni è diventato il simbolo vincente degli "autoctoni", il Davide che ha sconfitto il Golia, rappresentato dai vitigni internazionali o meglio "apolidi". La consacrazione l'ha avuta all'apertura del Vinitaly quando è stato stappato un Mathusalem di 6 litri, firmato idealmente dai tremila viticoltori, per tenere a battesimo la Docg Conegliano Valdobbiadene Prosecco superiore. È indubbiamente questo vino spumante la bandiera, in primis degli autoctoni, in secondo luogo di un territorio-distretto dove non c'è un'azienda leader ma una diffusa e vivace micro imprenditorialità.
Non sono ancora disponibili i dati definitivi 2009 ma la produzione di questo vino, per lungo tempo snobbato dai critici, definito spesso «frizzantino», dovrebbe aver avuto un incremento dell'8% sul 2008 (57.434.000 bottiglie con un giro d'affari di 370mila euro e un export del +30%).
Un risultato davvero significativo soprattutto se si analizza nel medio periodo perché tra il 2003 e il 2008 la produzione è cresciuta del 45 per cento. Insomma, una realtà che ricorda, con le dovute distanze, il re delle bollicine, ovverosia lo Champagne, territorio dove da secoli è stata portata avanti una politica da distretto (turismo, ristorazione, cura dell'ambiente eccetera).
Il difficile giunge ora, nel momento della grande crescita, dove l'attenzione alla qualità e al prezzo dovrà essere molto oculata, così come la cura verso l'innovazione, rivolta alle attese del mercato. E non è un caso che un'azienda quale Astoria vini di Treviso (13.800.000 euro di fatturato, +1,9% nel 2009), risponde subito alle esigenze del consumatore (etilometro e benessere della tavola) con il primo spumante Cold Wine a bassa gradazione, 9,5°. Un successo, quello del Prosecco, di un vino spumante che è anche il risultato positivo ancora una volta di un distretto che si è consolidato nel tempo. Anche il Franciacorta docg (è severamente proibito definirlo spumante perché, come lo Champagne, ha ottenuto che il nome del territorio coincidesse con le bollicine) è prodotto in un distretto, molto visitato dagli appassionati di turismo del vino e nel 2009 dovrebbe veder confermate le 9.430.993 bottiglie vendute nel 2008. Insomma non ha guadagnato quote, ma neppure ha perso terreno, fenomeno invece che ha toccato profondamente lo Champagne (…)

 

continua su www.ilsole24ore.com

Documento Italia, Francia e Spagna alla Ue contro le etichette allarmistiche sugli alcolici

31-01-2023 | News

L'Italia non è sola nella battaglia contro le etichette allarmanti...

L'industria vinicola Usa “vale” oltre 276 miliardi di dollari l'anno

30-01-2023 | Estero

WineAmerica, membro della FIVS, ha recentemente avviato un'indagine sulla superficie...

Dalle forti piogge danni ma anche sollievo ai vigneti californiani

30-01-2023 | Estero

Le recenti tempeste in California hanno causato circa 30 miliardi...

Disgelo tra Cina e Australia, saltano i super dazi sul vino?

30-01-2023 | News

I ministri del Commercio di Cina e Australia si incontreranno...

Barbera d'Asti e Vini del Monferrato: progetto genetico per affrontare le sfide del clima

26-01-2023 | Arte del bere

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato è da...

Assovini, riflettori su Messina e le sue Doc

26-01-2023 | Itinerari

Due mari, il Tirreno e lo Ionio, tre Doc, Faro...

© 2023 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.