News

La Commissione europea ha bocciato l'ipotesi di etichetta nutrizionale delle bevande alcoliche proposta in marzo dall'industria del settore. Contro la proposta un recente parere dei servizi giuridici della Commissione e il giudizio del Commissario competente Vytenis Andriukaitis, che la definisce 'incoerente'. 

Nel marzo 2017 la Commissione europea aveva chiesto ai produttori di bevande alcoliche, vini compresi, di trovare un accordo su un'etichetta nutrizionale, avvertendo che senza risultati entro un anno la Commissione avrebbe varato un regolamento specifico. Un anno dopo le organizzazioni di settore (vino, birra, distillati e sidro) hanno presentato una proposta comune articolata su tre elementi: la disponibilità a fornire informazioni sia sulle calorie che sugli ingredienti, la possibilità di utilizzare un'etichetta elettronica, la dose di riferimento comune da 100 ml. Il settore del vino era stato però esplicito nel richiedere un intervento legislativo specifico a livello Ue sulla lista di ingredienti e calorie, con il riconoscimento della possibilità di usare l'e-label. Richiesta respinta però al mittente da Bruxelles.

Si tratta comunque del parere del servizio giuridico che si occupa del coordinamento dell’autoregolamentazione con la normativa in essere sia in generale in materia di indicazione degli ingredienti e dei valori nutrizionali, sia della normativa esistente in materia di presentazione dei vini. L'auspicio dei produttori è che il parere del servizio giuridico non costituisca una barriera insormontabile al futuro cammino dell'etichettatura. 

Ora - commenta il direttore generale di Federvini Ottavio Cagiano de Azevedo - la Commissione deve valutare nel dettaglio il documento ed esprimere una opinione; ove non fosse convinta dei contenuti delle proposte, la Commissione presenterà una proposta normativa di applicazione del regolamento 1169/2011. È chiaro che la sollecitazione a valutare le proposte di autoregolamentazione deve anche trovare un equilibrio con le diverse disposizioni già esistenti per alcune categorie di bevande alcoliche: in questo quadro, i vini sono soggetti alla più complessa delle normative, ragione per la quale il servizio giuridico (e non la Commissione) ha espresso alcune critiche al progetto. Le associazioni europee, e con esse le associazioni nazionali, stanno valutando queste considerazioni per eventualmente integrare o meglio specificare la proposta di autoregolamentazione". 

Da più parti si auspica l'accordo per una etichettatura nutrizionale più trasparente. Anche Coldiretti, commentando la "bocciatura", ne invoca l'adozione. "La stessa “voglia di trasparenza” – denuncia Coldiretti – dovrebbe essere garantita anche su altri aspetti del settore vitivinicolo che oggi danneggiano i produttori italiani e i consumatori di tutto il mondo, dalla possibilità consentita dall’Unione Europea ai paesi del Nord Europa di aumentare la gradazione del vino attraverso l’aggiunta di zucchero, pratica vietata nel nostro Paese, a quella di permettere la vendita di pseudo vino ottenuto da polveri miracolose contenute in wine-kit che promettono in pochi giorni di ottenere le etichette piu’ prestigiose con la semplice aggiunta di acqua".

Ukraina: aumenta l'unità minima di prezzo per le bevande alcoliche

17-06-2019 | Estero

Il governo ucraino intende introdurre un incremento dell’unità minima di...

Tornano gli eventi e i corsi di ICE-Agenzia “I love ITAlian wines” per la promozione del vino italiano in Cina

14-06-2019 | News

Ritorna a Pechino la 19a edizione del corso “ITAlian Wine & Spirit” che...

Investimenti nella filiera agroalimentare: domande a Ismea per 338 milioni di euro

14-06-2019 | News

Ismea ha pubblicato i risultati del bando per il sostegno agli...

Istat o Dogane? Così va letta la "Babele" di dati sull'export di vino italiano

14-06-2019 | News

“Bene il vino italiano in Cina nel primo trimestre di...

Micaela Pallini: il mondo scopre i cocktail italiani

14-06-2019 | News

Grazie al traino della riscoperta dei cocktail italiani, l'Italia cresce...

Cina: cala l'import di vino (-8%) ma il mercato si apre a più tipologie e sale la qualità

14-06-2019 | News

Lo scorso anno è stato particolarmente difficile per il mercato...

Federvini

   Via Mentana 2/B, 00185 Roma
+39.06.49.41.630
+39.06.44.69.421
+39.06.49.41.566
redazione@federvini.it
www.federvini.it
   C.F. 01719400580

Condividi

Newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news del portale Federvini.

Seguici

  

© 2019 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

No Internet Connection