News

Il 52°Vinitaly ha chiuso i battenti registrando complessivamente 128mila presenze da 143 nazioni, in linea con l’edizione precedente ma aumentando invece la qualità e il numero dei buyer esteri accreditati che quest’anno registrano un significativo +6% per un totale di 32mila presenze. Operatori esteri in crescita soprattutto da Stati Uniti (+11%), Cina (+34%), Nord Europa – Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca (+17%) -, Paesi Bassi (+15%), Polonia (+27%) e triplicati da Israele; mentre la top ten delle presenze assolute sul totale vede primi i buyer da Usa seguiti da quelli provenienti da Germania, Regno Unito, Cina, Francia, Nord Europa (Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca), Canada, Russia, Giappone, Paesi Bassi insieme al Belgio. Le misure neoprotezionistiche di Trump quindi non si fanno ancora sentire sul vino e gli Usa si confermano anche il primo cliente per gli acquisti di vino nel 2018, con una crescita del 18% dei consumi di vino Made in Italy, seguiti dalla Germania dove l’aumento è del 12%, e dal Regno Unito. Ma ottimi risultati si registrano anche in Francia (+14%), dove gli acquisti di vino italiano sono peraltro praticamente raddoppiati nel giro degli ultimi 10 anni, nonché sul mercato cinese (+16%) e su quello russo (+9%), nonostante le sanzioni continuino a penalizzare gravemente l’agroalimentare tricolore.

"Ottimi risultati, ma che non devono farci sedere sugli allori – ha commentato Ettore Nicoletto,vicepresidente Gruppo Vini di Federvini –. Dobbiamo unire le forze. Le aziende grandi devono fare da catalizzatori per mettere insieme alcune fasi dell'attività d'impresa e promuovere il Sistema Italia sui mercati più importanti. In alcuni mercati siamo leader, ma in altri, come la Cina, partiamo carichi di uno zaino di inefficienze. La Cina in poco tempo è diventata il quinto Paese a valore per vino importato e il quarto per i consumi, oltre a enormi potenzialità future. Qui noi abbiamo una quota ancora troppo modesta: dobbiamo unirci e proporci sotto un'egida comune per comunicare i tratti caratterizzanti, gli elementi distintivi e i vantaggi competitivi di un Paese straordinario quale è l'Italia". 

Aumentate a Veronafiere anche le aziende espositrici: oltre 4.380 (130 in più dello scorso anno) da 36 paesi. A Vinitaly and the City, infine, quasi 60 mila appassionati e wine lover tra Verona e i tre borghi storici della provincia: Bardolino, Valeggio sul Mincio e Soave.

 

Barbera d'Asti e Vini del Monferrato: progetto genetico per affrontare le sfide del clima

26-01-2023 | Arte del bere

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato è da...

Assovini, riflettori su Messina e le sue Doc

26-01-2023 | Itinerari

Due mari, il Tirreno e lo Ionio, tre Doc, Faro...

Agroalimentare, in crescita Pil, investimenti e consumi

25-01-2023 | Studi e Ricerche

Cresce ancora la performance economica anche nel III trimestre 2022...

Forte crescita per il whisky indiano, aumenta la quota dei single malt

25-01-2023 | Estero

Secondo l'analisi del mercato delle bevande dell'IWSR, il whisky indiano...

In Giappone l’AI trova l’abbinamento perfetto tra sushi e sake

25-01-2023 | Trend

Uno storico produttore di sake a Fukushima, in Giappone, ha...

Alla Camera una risoluzione per contrastare la norma irlandese sulle etichette degli alcolici

25-01-2023 | News

Una risoluzione che impegna il governo ad assumere iniziative a...

© 2023 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.