News

Ragazzi Sera

ROMA - Oltre a retrogusto e colore, i sommelier dovranno allenarsi anche a valutare la radioattivita' dei vini. Un nuovo test sviluppato dall'università di Adelaide, che lo ha presentato al meeting annuale dell'American Chemical Society, ha scoperto il modo di risalire all'annata originale di un vino verificando la quantità di un isotopo radioattivo del carbonio lasciata al suo interno dai test atomici degli anni '50. Una metodologia, spiegano gli autori, che potrebbe portare alla luce che almeno il 5% delle bottiglie piu' preziose è un falso. Quello di smascherare falsi vini d'annata è un grosso problema innanzitutto economico, dato l'alto costo delle bottiglie più pregiate, come ad esempio lo Chateau Lafite Rothschild 1982 venduto pochi mesi fa per 28mila euro. Secondo molti esperti il giro di bottiglie false o diluite con vini meno pregiati arriva al 5% di tutte le bottiglie d'annata sul mercato.

L'elemento su cui si basa l'analisi che potrebbe farle smascherare è il carbonio 14, lo stesso usato per datare i reperti archeologici. Questo isotopo radioattivo del molto più abbondante carbonio 12 si trova in atmosfera naturalmente in piccole quantità per una reazione dei raggi cosmici con l'azoto, ma i test atomici condotti in tutto il mondo negli anni '50 ne hanno alzato il livello, che ha iniziato ad abbassarsi solo dopo il 1963, anno in cui sono stati banditi. ''Tracce di carbonio radioattivo vengono intrappolate dall'uva attraverso la CO2 atmosferica - spiega Graham Jones, uno degli autori - e trasformate in alcol e altri composti. Sulla base della quantità di carbonio 14 trovato nel vino si può quindi risalire all'annata".

I ricercatori australiani hanno testato il loro metodo sull'alcol presente in 20 bottiglie datatate dal 1958 al 1997, riuscendo a sbagliare al massimo di un anno, e ora stanno verificando la possibilità di utilizzare anche altri composti, come i fenoli o l'acido tartarico, per affinare ulteriormente la misura. Lo strumento necessario per l'analisi è uno spettrometro di massa, abbastanza comune nei laboratori chimici. "Quello di smascherare i falsi è un problema crescente, perché ormai i vini pregiati vengono usati come forma di investimento - continua l'esperto - le case d'asta si stanno attrezzando con sigilli speciali ed etichette hi-tech, ma il nostro metodo può essere quello più indicato per scoprire la vera annata di un vino".

fonte: www.ansa.it

La produzione alimentare rallenta la crescita. Export: i numeri di vino, spiriti e aceti

20-11-2018 | News

La produzione alimentare ha perso velocità, con un +1,2% su...

Al via le terza Settimana della Cucina Italiana nel Mondo. Dedicata alla Dieta Mediterranea

20-11-2018 | Arte del bere

E' dedicata al tema della Dieta Mediterranea, la terza edizione...

Sulle etichette del vino europeo torna l'origine delle uve

20-11-2018 | News

La Commissione ha rettificato il testo del regolamento sul vino...

Nel Lancashire anche la Chiesa produce il proprio Gin (a fin di bene)

20-11-2018 | Arte del bere

Il Ginnaissance (il Rinascimento del Gin) ha un nuovo -...

Borgogna: asta record di Christie's per l'Hospices de Beaune

19-11-2018 | Estero

Un nuovo record per l’annuale asta curata da Christie’s in...

In aumento le superfici agricole in affitto. Stabili i canoni

19-11-2018 | Studi e Ricerche

In base alla recente diffusione da parte dell’ISTAT dei primi risultati...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.

Iscriviti alla newsletter di Federvini!

Riceverai una mail per confermare la tua iscrizione.