News

Martedì, 23 Marzo 2010

L'alcol? Se se ne beve poco fa bene anche a cuore malato

di

Roma, 23 mar. (Apcom) - Uno o due bicchieri di vino al giorno fanno bene anche ad un cuore malato. L'importante è bere con moderazione. Una ricerca dell'Università Cattolica di Campobasso, pubblicata negli Stati Uniti, dimostra che gli effetti benefici di un consumo moderato e regolare di bevande alcoliche valgono anche nelle persone che sono state colpite da infarto o altre patologie cardiovascolari Era una questione ancora aperta in medicina. Mentre le ricerche scientifiche hanno mostrato con sempre maggiore evidenza gli effetti benefici del consumo moderato di alcol in persone sane, non era chiaro se ciò potesse avvenire anche in coloro che avevano avuto un infarto, un ictus o un'altra malattia del sistema cardiovascolare. Una risposta positiva viene ora da uno studio condotto dai laboratori di ricerca dell'università Cattolica di Campobasso: a dosi moderate, e come parte integrante di un corretto stile di vita, uno o due bicchieri di vino al giorno, o l'equivalente in birra o altre bevande alcoliche, riducono il rischio di morte, per qualsiasi causa, anche in persone già colpite da patologie cardiovascolari ischemiche. La ricerca offre anche un altro elemento da considerare: che il bere sia non solo moderato, ma anche regolare.

Un consumo moderato, distribuito lungo i giorni della settimana, è positivo. La stessa quantità di alcol, bevuta magari in un solo weekend, risulta al contrario dannosa. La ricerca, pubblicata sul Journal of the American College of Cardiology (JACC), è stata effettuata usando il metodo statistico della meta-analisi, che permette di unire studi diversi, realizzati in tutto il mondo, ponendoli in un'unica visione complessiva. In questo caso sono state analizzate le migliori ricerche scientifiche realizzate negli ultimi anni: otto in tutto, in quattro Paesi: Stati Uniti, Svezia, Giappone e Gran Bretagna. Tutte prendevano in esame persone già colpite da un evento cardiovascolare. Nel corso degli anni successivi all'insorgenza della malattia, i pazienti sono stati seguiti dai ricercatori per capire quali fossero le abitudini di vita, tra le quali il consumo di alcol, capaci di contribuire ad evitare un nuovo evento clinico. La meta-analisi ha permesso di unire quelle ricerche come se si trattasse di un unico studio, per un totale di 16.351 persone esaminate. "Ciò che abbiamo osservato - dice Simona Costanzo, epidemiologa e prima autrice dello studio - è che il consumo moderato e regolare di alcol ha un'azione benefica anche nei pazienti colpiti da infarto, ictus o altra patologia cardiovascolare ischemica.

Non solo hanno minore probabilità di essere nuovamente colpiti da malattie del genere, ma anche la mortalità, per qualsiasi altro motivo, risulta essere più bassa rispetto a chi non consuma nessuna bevanda alcolica". L'effetto osservato è molto simile a quello che già si era visto in persone sane. "La riduzione del rischio - continua Costanzo - è di circa il 20%, un evento risparmiato ogni 5 pazienti, un vantaggio considerevole, analogo a quello già da noi registrato in individui sani" La parola chiave è 'moderazione':"Stiamo parlando - dice Licia Iacoviello, medico internista, capo del laboratorio di epidemiologia genetica e ambientale e responsabile del Progetto Moli-Sani - di un consumo di alcol ben lontano da quello che possiamo vedere a volte nelle fiction televisive. Con il termine moderazione, infatti, ci riferiamo al bere come un atto inserito in un sano stile di vita. E così ancora una volta, emerge vincente la dieta mediterranea, della quale un bicchiere di vino o meno frequentemente di birra durante i pasti ha sempre fatto parte integrante". index.asp.gif ¬

fonte: www.wallstreetitalia.com

 

Acque e vini sui Colli Euganei

25-05-2018 | Itinerari

I Colli Euganei sono un vero e proprio patrimonio naturale e storico...

Nomisma: il vino italiano cresce, ma in alcuni mercati è ancora troppo fragile

24-05-2018 | News

Tra incognita Brexit, boom del Rosé negli Stati Uniti, rallentamento...

Droni, bottiglie edibili o vending machine, cosa c'è nel futuro del vino?

23-05-2018 | Trend

I futuri amanti del vino potrebbero essere in grado di...

Ue avvia negoziati commerciali con Australia e Nuova Zelanda

23-05-2018 | Normative

 Il Consiglio europeo ha autorizzato la Commissione ad avviare negoziati...

Anche per spiriti e aceti la sfida della dimensione

23-05-2018 | News

Il valore aggiunto è stato il tema principale dell’annuale Assemblea 2018...

Diversificare, snellire, attivare una filiera allargata: i nodi del vino 4.0

23-05-2018 | News

Non adagiarsi sui risultati raggiunti. Anche se l'export continua a...

© 2018 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori, Esportatori ed Importatori di Vini, Vini Spumanti, Aperitivi, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed Affini

Please publish modules in offcanvas position.