News

La Presidente di Federvini Micaela Pallini, intervistata da Horeca Channel Italia, commenta l'attacco della Commissione Europea che nello studio Sur sull’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari rileva che "la viticoltura non è una coltura essenziale in Europa".

Micaela Pallini: "Lo studio Sur pubblicato dalla Commissione Europea è un grave attacco alla nostra cultura.

L’Italia è uno dei principali produttori di vino al mondo e uno dei pochi stati dove ogni regione produce una denominazione di vino diversa, fonte di grande biodiversità. Il Settore ha un fatturato di 12 miliardi di euro e un export di 8 miliardi, ricordiamo che siamo la prima voce dell’export agroalimentare italiano. Pensare che la Commissione Europea non ritenga che la viticoltura sia una coltura essenziale è un grave attacco ad un’intera filiera che ha un grande valore aggiunto, genera milioni di posti di lavoro, non solo in vigna ma anche in cantina e successivamente nella vendita e che contribuisce in mondo rilevante alla bilancia commerciale nazionale ed europea.

Ricordiamo sempre che il viticoltore è il primo a prendersi cura del suo territorio, non solo della vigna ma anche del bosco, degli invasi e di tutto ciò che lo circonda perché è la sua prima fonte di sostentamento e quindi è interessato a mantenerlo sano, ad evitare pesticidi e combattere l’uso indiscriminato di tutto ciò che può danneggiare le colture. Abbattere o rendere altamente inefficiente questa coltura vuol dire mettere a rischio anche la cura del territorio e per noi in Italia, il territorio è molto fragile quindi questo è un punto importante su cui riflettere.

Riteniamo come Federvini che questo atteggiamento sia inaccettabile. Non si può pensare di far scomparire un intero settore della nostra economia.

Il vino è storia, tradizioni, cultura e socialità: chiediamo che gli stati membri e gli eurodeputati prendano una posizione netta a difesa di questo tema. Il nostro settore deve essere aiutato e supportato in questo momento di transizione con regolamenti realistici che diano aiuto, visibilità e un calendario operativo che sia raggiungibile."

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.