News

La Scotch Whisky Association ha informato i media di un risultato storico che riguarda le esportazioni globali di whisky scozzese, che per la prima volta nella storia hanno superato i 6 miliardi di sterline (circa 7,3 miliardi di dollari) nell'anno 2022.

Mark Kent, amministratore delegato di Scotch Whisky Association, ha dichiarato: "Superare per la prima volta 6 miliardi di sterline di valore delle esportazioni è una pietra miliare e una testimonianza del lavoro delle nostre aziende associate e delle decine di migliaia di dipendenti in tutta la Scozia e nella catena di fornitura nel Regno Unito, che rendono lo Scotch Whisky una storia di successo globale di cui siamo giustamente orgogliosi".

Kent ha proseguito: "Nel 2022 il settore ha beneficiato della completa riapertura delle attività ricettive nei principali mercati. Le esportazioni sono state stimolate dalla continua tendenza al premium, con i consumatori attratti da liquori di alta qualità come il whisky scozzese". Lo scorso anno il valore delle esportazioni di whisky scozzese è cresciuto del 37%, raggiungendo i 6,2 miliardi di sterline. Nel frattempo anche il numero delle bottiglie da 700 ml esportate è aumentato, del 27% a 1,67 miliardi. Ma qual è il mercato in grande ascesa per quanto concerne lo Scotch Whisky? L'India ha superato la Francia, con una crescita nel 2022 del 60%. Un totale di 219 milioni di bottiglie esportate rispetto ai 136 del 2021.
In ogni caso lo Scotch rappresenta il 2% del mercato in India. In tal senso gli Stati Uniti rimangono la principale destinazione delle esportazioni, raggiungendo 1,053 miliardi di sterline nel 2022, con un aumento del 33% rispetto ai 790 milioni di sterline del 2021. 

“Con il giusto supporto da parte dei nostri governi nazionali, rimaniamo fiduciosi che l'industria possa continuare a fornire risultati per l'economia scozzese e in generale del Regno Unito. Riducendo le tariffe attraverso l'accordo di libero scambio tra Regno Unito e India, continuando il congelamento dei dazi nel bilancio di marzo e garantendo la continua capacità del settore di pubblicizzare il nostro prodotto di livello mondiale nel nostro mercato interno, i governi scozzese e britannico possono contare sull’industria dello Scotch Whisky per reinvestire il proprio successo in tutto il Regno Unito” ha concluso Mark Kent.

 

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.