News

Più del 92% dello scenario produttivo vitivinicolo italiano è composto da piccole imprese, dove il 74,7% (si tratta quindi di circa 46mila aziende vinificatrici) è rappresentato da aziende che producono meno di 100 ettolitri di vino all’anno (vale a dire, meno di 15mila bottiglie da 0,75 l) e il 17,5% da quelle realtà che producono più di 100 ettolitri, ma meno di 1.000. Sono invece meno di 100 (0,2%) le imprese in Italia che producono più di 13mila bottiglie di vino annue (posizionandosi dunque oltre i 100mila ettolitri) – pur rappresentando il 41,8% della produzione nazionale di vino.

In questo scenario, TeamSystem ha commissionato a Wine Meridian una ricerca per dare voce a questi piccoli produttori, e sondare il loro livello di digitalizzazione. Le realtà coinvolte sono state 230, di cui più della metà (51%) con un fatturato inferiore ai 2 milioni di euro l’anno e con meno di dieci dipendenti (52%).

Dato il campione dei rispondenti, è stato evidenziato come il digitale sia visto come una grande opportunità per il settore, con solo il 7,1% che ritiene abbia solamente un ruolo marginale nel settore vitivinicolo. A fronte di questo gruppo di scettici, infatti, la maggior parte dei rispondenti crede nel digitale: oltre a chi afferma di puntarci già da anni, c’è un 44,4% che è convinto che rappresenti il futuro del settore, mentre il 30,3% sta iniziando in questo momento ad intraprendere il proprio percorso di trasformazione digitale e a trarre da esso i primi benefici.

Considerando la crescita costante registrata dall’e-commerce negli ultimi anni, questo rappresenta oggi per il 60% dei rispondenti uno dei fattori su cui la digitalizzazione influisce maggiormente, ma non meno importante appare la volontà di digitalizzare tutto il processo di produzione (per circa il 40% degli intervistati).

Se il 77% del campione dei rispondenti si è già dotato di un software gestionale per la contabilità aziendale, e le operazioni di magazzino sono seguite tramite gestionale dal 57% dei rispondenti, passi avanti restano ancora da fare per quel che riguarda il monitoraggio delle attività in cantina. Queste ultime, infatti, sono monitorate grazie ad applicativi gestionali (MES, PLM) soltanto dal 34% dei rispondenti, contro il 48% che utilizza ancora strumenti o database locali (come i fogli di calcolo di Excel) ed il 12% che si affida a sistemi manuali, a fronte di un 6% che dichiara di non tracciare affatto i flussi operativi della propria cantina.

Spazio di crescita resta anche nella digitalizzazione dell’enoturismo, fenomeno di sempre più fondamentale importanza per i produttori. Molte delle piccole aziende non hanno infatti ancora digitalizzato l'enoturismo, non utilizzando nessuno strumento digitale (37%); altre, si affidano a portali web di varia natura – dove le grandi aziende si avvalgono ormai per la maggior parte di sistemi CRM.

“Oggi i cosiddetti “vignaioli” (imprenditori con produzioni medie al di sotto delle 100.000 bottiglie annue) sono alle prese con crescenti difficoltà sul fronte delle aggregazioni e dell’individuazione di partner commerciali, tanto sui mercati esteri quanto su quello nostrano”, ha commentato Stefano Roversi, GM Enterprise Solutions di TeamSystem. “Per questo TeamSystem ha scelto di promuovere questa ricerca, realizzata con Wine Meridian al fine di ascoltare da questi piccoli imprenditori quello che si aspettano che il digitale faccia per loro e porsi come partner affidabili nel processo verso efficientamento e riduzione dei costi, in grado di conferirgli sempre maggior competitività sul mercato”.

Da ultimo, la ricerca mette in mostra che quasi 1 imprenditore vitivinicolo su 3 (31%) non è a conoscenza dell’esistenza degli incentivi statali per la digitalizzazione, mentre un 15% dichiara di non essere intenzionato ad accedervi perché troppo onerosi da ottenere, considerando lo sforzo di investimento iniziale richiesto.

 

L'enologo siciliano Pietro Russo terzo Master of Wine Italiano

26-02-2024 | Arte del bere

Pietro Russo, rinomato enologo siciliano, ha ottenuto il prestigioso titolo...

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.