News

I millennial e la generazione Z cinesi, che esercitano un "notevole potere d'acquisto", stanno rimodellando il ricco mercato del vino cinese, diventando la principale forza trainante dell'espansione del consumo pro capite del Paese nei prossimi cinque anni, secondo l'ultimo rapporto della società leader di dati e analisi GlobalData commentato dal sito vino-joy.com .

Il potere dei millennial e della generazione Z vedrà il mercato vinicolo del Paese quasi raddoppiare di dimensioni nel 2026 e, di conseguenza, anche la spesa media per il vino subirà un notevole incremento.

Secondo Global Data, il mercato cinese del vino dovrebbe espandersi da 268,6 miliardi di RMB (42 miliardi di dollari) nel 2021 a 462,4 miliardi di RMB (72,2 miliardi di dollari) nel 2026, registrando un tasso di crescita annuale composto (CAGR) dell'11,5%, in quanto la ripresa delle attività economiche e sociali stimolerà le vendite di vino on-premise e off-premise.

A3A30A09 FE4B 4F78 8A0E 84288F45BC13

Sebbene il consumo di vino pro capite del Paese abbia subito una lieve contrazione negli ultimi cinque anni, passando da 36 a 35,6 dollari nel 2021, è destinato ad aumentare a 60,1 dollari nel 2026, con un incremento del 68,8% in linea con la ripresa economica e l'aumento del reddito disponibile delle famiglie. Ciò significa che entro il 2026 la spesa pro capite per il vino in Cina sarà quasi il doppio della spesa media nell'area Asia-Pacifico, ma ancora inferiore alla media globale di 84,3 dollari, secondo la società di dati.

La crescita del mercato, spiega l'azienda, sarà trainata principalmente dalla categoria dei vini fermi, che registrerà il più rapido CAGR dell'11,5% nel quinquennio, seguita dalla categoria dei vini spumanti con un CAGR dell'11,3%.

"Il vino sta diventando una bevanda alcolica molto popolare tra i consumatori cinesi, grazie ai benefici percepiti per la salute e la bellezza e all'influenza delle abitudini di vita occidentali. I giovani Millennials e gli adulti della Gen Z, che hanno un notevole potere d'acquisto, stanno ridisegnando il mercato cinese del vino. I produttori di vino stanno adattando l'offerta di prodotti e le attività di marketing e branding per soddisfare questa giovane coorte", afferma Bobby Verghese, Consumer Analyst di GlobalData.

"Inoltre, i marchi vinicoli stanno costruendo la loro presenza sui principali portali di e-commerce come Alibaba Tmall, rivolgendosi a questi immigrati e nativi digitali", aggiunge.

Tuttavia, il rapporto rileva che la severa politica di Covid del Paese ha compromesso la crescita del mercato nel 2021. I blocchi e le restrizioni hanno fatto sì che il valore delle vendite in valuta locale sia diminuito annualmente del 2,7% nel 2021. Le vendite al dettaglio hanno contribuito alla maggior parte delle vendite di vino in Cina nel 2021, seguite dagli specialisti del settore alimentare e delle bevande e dagli ipermercati e supermercati.

Anche la crescita del marketing sui social media e delle piattaforme di e-commerce ha contribuito ad attirare un maggior numero di consumatori giovani nel settore del vino. "Le aziende vinicole stanno sfruttando le strategie di marketing digitale e sui social media, compresi i live stream con i principali opinion leader e gli ambasciatori del marchio delle celebrità, per entrare in contatto con il pubblico più giovane. I produttori stanno anche introducendo bottiglie di vino di piccole dimensioni per incoraggiare i bevitori inesperti a provare i loro marchi o etichette", aggiunge Verghese.

Il rapporto rileva che i marchi di vino più venduti nel Paese sono ancora dominati dai principali produttori nazionali. Yantai Changyu Pioneer, Dynasty Fine Wines Group e Tonghua Grape Wine erano le prime tre aziende del mercato vinicolo cinese in termini di volume nel 2021, mentre Changyu e Dynasty erano i marchi leader.

"Le severe misure di blocco della COVID-19 in mercati chiave come Shanghai, Pechino e le province di Chengdu hanno ulteriormente penalizzato il mercato del vino nel 2022", ammette Verghese. "Con l'attenuarsi della pandemia e la ripresa dell'economia, il consumo di vino è destinato ad aumentare. I produttori di vino d'oltreoceano, provenienti da Francia, Cile e Stati Uniti, e le aziende vinicole locali sono in corsa per riempire il vuoto lasciato dal calo delle vendite dei vini australiani, gravemente colpiti dalle tariffe antidumping e dallo stallo politico tra il governo cinese e quello australiano", conclude.

NoviAgri, primi prototipi e app per il controllo delle malattie in vigneto

23-02-2024 | Studi e Ricerche

Il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato ha illustrato...

Vermouth di Torino, consumi in crescita e nuovi “Ambasciatori”

23-02-2024 | Trend

Il Vermouth di Torino, tipica eccellenza del Piemonte, fa sempre...

Mezcal, un ingrediente artigianale nuova star della mixology

22-02-2024 | Trend

Il Mezcal, antica bevanda messicana, vive un momento di rinascita...

Vini dealcolizzati e parzialmente dealcolizzati: le faq della Commissione Ue

21-02-2024 | Normative

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea del 15 gennaio 2024 è...

Investimenti 2024-2025: il Masaf proroga le domande

21-02-2024 | Normative

Il Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità Alimentare e delle Foreste (Masaf)...

Ratifica dell’accordo Ue-Canada: i benefici per vini e spiriti italiani

20-02-2024 | News

Si è svolta  l’Audizione informale di Federvini sulla Ratifica ed esecuzione...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.