News

“La proposta dell’ideatore del Nutriscore di indicare con un bollino nero tutte le bevande alcoliche, compreso il vino, è un insulto alla scienza e al nostro settore vitivinicolo. Le forze che compongono il patrimonio vitivinicolo italiano, che negli anni hanno saputo conquistarsi un posto di primo piano nel panorama internazionale sia in termini numerici - oltre 7,1 miliardi di euro il valore delle esportazioni - che di qualità e salubrità grazie al loro ineguagliabile saper fare, non possono ora vedersi insultate da un algoritmo arbitrario e fuorviante. Decenni di storia, cultura, tradizione, impegno e lavoro riconosciuti dai massimi organi internazionali vengono appiattiti da una bocciatura indiscriminata delle bevande alcoliche, un orientamento anti alcol che preoccupa e che si propone anche in altre azioni come il Beating Cancer Plan, senza distinguere tra uso e consumo e tra quantitativi di alcol presenti” - afferma Pietro Paganini, fondatore e presidente di Competere - Policies for Sustainable Development, think tank europeo che attraverso la propria piattaforma sulla Sustainable Nutrition analizza le dinamiche politico-commerciali nell’alimentazione globale.

“La scienza negli anni ha messo in evidenza l’importanza del vino all’interno di un regime alimentare equilibrato, tanto da essere incluso nel regime nutrizionale considerato - scientificamente - tra i più sani al mondo, la Dieta Mediterranea. Questa proposta svela ancora una volta il carattere estremamente semplicistico e antiscientifico dell’approccio Nutriscore ed è la palese testimonianza di come esso sia uno strumento del tutto inadeguato a cogliere l’importanza della nutrizione per la nostra salute e sostanzialmente non idoneo ad essere il sistema di etichettatura unico in Europa".

Da sempre Competere ha messo in evidenza le carenze di un sistema di etichettatura arbitrario e fuorviante come il Nutriscore che, oltre ad essere contrario alla consolidata letteratura scientifica, mette a rischio la libertà del consumatore, in quanto non promuove un approccio educativo ma anzi approfitta della sua fiducia per guidarlo verso scelte basate su parametri incomprensibili e non trasparenti.

Con il nostro lavoro, basato sul rigoroso rispetto del metodo scientifico, l’opinione della comunità scientifica europea e l'interesse dei consumatori, ribadiamo "la necessità di unire Istituzioni, forze produttive e attività commerciali nell’opposizione trasversale a un sistema che calpesta l’interesse non solo di un patrimonio sociale ed economico inestimabile come il settore vitivinicolo e l’intero Made in Italy agroalimentare, ma anche di tutti i cittadini” - conclude Paganini.

 

Qatar Duty Free acquisisce il monopolio di vendita degli alcolici

01-03-2024 | Estero

Qatar Duty Free ha annunciato l'acquisizione completa di Qatar Distribution...

Whiskey re dell’export di spirits Usa con una quota del 63%

01-03-2024 | Estero

Whiskey sul podio delle esportazioni di spirits americane, con una...

Grandi Borgogna: per acquistarli in Norvegia fino a un mese davanti al negozio in tenda

29-02-2024 | Trend

I norvegesi più appassionati di vini di Borgogna anche quest’anno...

Maxi furto di vini di pregio in Borgogna

29-02-2024 | Arte del bere

Un dipendente di una casa vinicola della Borgogna è sospettato...

Approvato il Ddl sull'imprenditoria giovanile nel settore agricolo

29-02-2024 | Normative

Il Senato ha dato il suo via libera definitivo al...

Via libera definitiva al Regolamento sulle IG: ecco tutte le novità per la Dop economy

29-02-2024 | News

Il nuovo regolamento sulle Indicazioni geografiche dell'Unione europea di vini...

© 2024 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.