News

La notizia della sospensione dei dazi Usa, che tanto ha danneggiato l'export del made in Italy, è sicuramente un'ottima notizia. C'è da sperare che i 4 mesi di sospensione portino ad una eliminazione definitiva.

Il primo effetto dell'intesa Ue-Usa è stato una decisa effervescenza degli ordini da parte degli importatori statunitensi che intendono fare magazzino. Il problema che si trovano ad affrontare i produttori è però la difficoltà a trovare container liberi a causa della congestione del traffico in questo periodo. 

Di questo e delle misure da mettere in atto per consolidare la ripresa una volta che si sia superata la pandemia parla Micaela Pallini, presidente Gruppo Spiriti di Federvini. Qui il video.

Photo by Dominik Lückmann su Unsplash

 
 
 

Via libera Ue alle modifiche sulle Doc Barbera d’Alba e Lacrima di Morro d’Alba

21-01-2022 | Normative

Con la pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 21 gennaio 2022...

Londra, crescono le critiche ai piani del governo per i dazi su vino e alcolici

21-01-2022 | Estero

I piani del governo britannico per riformare le regole della...

Frascati debutta tra i crypto wine con un Nft su uno spumante

21-01-2022 | Arte del bere

Il vino Frascati entra nella schiera dei crypto wine con...

Nuova Pac: smart farming e criteri rinnovati per i pagamenti diretti

21-01-2022 | News

Nel periodo 2023-2027 i pagamenti diretti destinati agli agricoltori subiranno...

Agroalimentare, terzo trimestre 2021: +2,6% Pil, +2,2% consumi, +1,6% investimenti

21-01-2022 | Studi e Ricerche

Si conferma buona la performance economica nel III trimestre 2021...

Champagne, nel 2021 balzo record del 32%

20-01-2022 | Trend

Le spedizioni totali di Champagne nel 2021 ammontano a 322...

© 2022 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.