News

Nonostante la vittoria di Biden e dunque l’auspicio che la nuova amministrazione Usa possa riaprire il dialogo e giungere a una risoluzione della disputa aerospaziale che è a monte dell’imposizione dei dazi, l’Ustr a fine dicembre ha pubblicato sul Federal Register una notice dove si annunciano ulteriori dazi sulle acquaviti vitivinicole di Francia e Germania. Dalla nuova tariffa del 25% sono particolarmente coinvolti cognac e brandy dal 12 gennaio 2021. 

Non sembra affatto un bel segnale e ci auguriamo che si possa comunque trovare una soluzione congiunta rapidamente, prima della prossima finestra del carosello di metà febbraio.

Anche l'ente commerciale Spirits Europe si è detto deluso dalla decisione poiché i distillatori “stanno già lottando a causa delle tariffe esistenti e degli effetti persistenti della crisi del Covid-19”.

E il Distilled Spirits Council degli Stati Uniti (Discus) ha espresso le sue preoccupazioni per le nuove tariffe e il loro impatto sul settore dell'ospitalità già in difficoltà. In una dichiarazione ha affermato: “Queste tariffe non solo danneggiano i produttori di alcolici dell'Ue, ma interrompono e incidono negativamente sull'intera catena di fornitura dell'industria dell'ospitalità statunitense. Le aziende di ospitalità e i nostri consumatori, così come i produttori, i grossisti e gli importatori di alcolici distillati subiscono i danni collaterali in una controversia del tutto estranea al business delle bevande. Queste tariffe continuano ad avere un impatto devastante sulle nostre attività, che stanno anche soffrendo a causa della chiusura di ristoranti, bar e sale di degustazione delle distillerie a causa della pandemia Covid-19".

Il direttore generale di Spirits Europe, Ulrich Adam, ha chiesto la "rimozione rapida" di tutte le tariffe sugli alcolici. “Continuare a trascinare in questa controversia settori estranei sta solo creando ulteriori danni economici. Deve finire. Entrambe le parti devono trovare senza indugio una soluzione negoziata che assicuri che settori non correlati smettano di pagare il prezzo di una disputa che è completamente al di fuori del loro controllo e che consentirà effettivamente a settori come il nostro di contribuire pienamente a una ripresa economica nel 2021".

Il Discus ha aggiunto: "Continuiamo a sollecitare l'Ue e gli Stati Uniti a negoziare un accordo che metterà fine alle tariffe eccessive e ingiustificate sugli alcolici distillati senza ulteriori ritardi". Il mese scorso, il rappresentante commerciale statunitense Robert Lighthizer ha indicato che l'amministrazione statunitense uscente potrebbe concordare un "mini accordo" con il Regno Unito, che allevierebbe i dazi punitivi sul whisky scozzese single malt.

 

Il Mipaaf ribadisce la tutela dell’Aceto balsamico DOP e Igp: le azioni messe in campo a Bruxelles

26-10-2021 | News

Il Ministero delle Politiche agricole ha risposto alla Camera all’interrogazione...

Vertice sul clima COP26: limited edition di whisky “verde” per sensibilizzare verso la sostenibilità

26-10-2021 | Arte del bere

Una edizione limitata di whisky scozzese blend è stata appositamente...

Francia, al via uno studio sull'esposizione ai pesticidi nelle aree viticole

26-10-2021 | Studi e Ricerche

Le agenzie francesi per l'alimentazione e la salute pubblica, Anses...

Russia, restrizioni alla vendita e alte accise fanno impennare gli acquisti illegali di alcolici

26-10-2021 | Trend

Il primo vice capo della commissione bilancio della camera alta...

Accordo Londra-Aukland: eliminati i dazi sul vino neozelandese

26-10-2021 | Estero

Nuova Zelanda e UK hanno raggiunto un accordo di principio...

Valoritalia, da giugno 2020 +13% di imbottigliato in un anno

26-10-2021 | Studi e Ricerche

Quasi 2 miliardi le bottiglie di vino certificate da Valoritalia...

© 2021 Federvini - Federazione Italiana Industriali Produttori Esportatori ed Importatori di Vini, Acquaviti, Liquori, Sciroppi, Aceti ed affini.

Please publish modules in offcanvas position.